Giornale del 04 Maggio 2011 - Speciale Caraibi - sfoglia il giornale

Da un’isola all’altra

Speciale Caraibi

04-05-2011 NUMERO: 17

Invia
Allegati all'articolo:
BarbadosTra arcipelaghi, isole e isolotti non c’è che l’imbarazzo della scelta per chi decida di trascorrere una vacanza ai Caraibi. Andiamo ala scoperta delle innumerevoli attrattive di: Antigua, Aruba, Bahamas, Barbados, Bermuda, Cuba, Dominica, Giamaica, Grenadine, Portorico, Repubblica Dominicana, Saint Lucia, Isole Vergini Usa.

 

Antigua
Situata al centro delle isole Leeward, nei Caraibi orientali, circa 17° a nord dell’equatore, Antigua è la più grande delle Isole Sottovento ed è famosa per le sue 365 spiagge, “una per ogni giorno dell’anno”, come sottolinea l’ente del turismo. La capitale è St.John’s. A circa 40 km a nord si trova Barbuda, un’isola piatta corallina con una superficie di soli 68 miglia quadrate. La nazione, una monarchia costituzionale nell’ambito del Commonwealth, comprende anche l’isoletta disabitata di Redonda, oggi una riserva naturale.
Moltissime le manifestazioni in programma nel corso dell’anno, a cominciare da regate e tornei di golf.
Uno dei prossimi appuntamenti è con la “Biblioterapia” sulla spiaggia, una settimana di letture accompagnate da cocktail al St James Club di Antigua. L’evento, coordinato da Damian Barr, fondatore e presentatore di punta di BBC Radio 4, è organizzato in collaborazione con Kuoni, l’editore Penguin e Elite Island Resorts, è stato pensato come un momento di puro relax, dove incontrarsi per raccontare le storie preferite e coinvolgere nelle letture nuovi amici
(www.stjamesclubantigua.com).

Aruba
Situata di fronte alla costa del Venezuela, questa piccola isola fa parte del regno dei Paesi Bassi, ma ha ottenuto piena autonomia negli affari interni nel 1986, con la separazione dalle Antille Olandesi. La capitale Oranjestad è situata sulla costa meridionale dell’isola, appena a sud-est dell’area principale in cui sorgono le strutture turistiche, e con i suoi edifici colorati in stile coloniale ha un’atmosfera decisamente olandese. L'isola è arida e piuttosto pianeggiante (il Monte Jamanota è alto solo 188 m), e ha un clima caldo, secco e spazzato dagli alisei tutto l’anno.
Estremamente popolare tra le coppie, il Bucuti Beach Resort ha introdotto una politica “adults only”, diventando il secondo resort dell’isola specializzato in questo tipo di servizio. L’hotel affaccia sui 5 ettari di spiaggia bianca, la Eagle Beach. Bucuti offre una selezione di pacchetti su misura per le coppie e un team di concierge è a disposizione per organizzare escursioni e attività varie, e per soddisfare ogni richiesta.
(www.bucuti.com)

Bahamas
Non c’è che l’imbarazzo della scelta fra le 700 isole e i 2.500 isolotti che costituiscono l’arcipelago delle Bahamas, una monarchia costituzionale che fa parte del Commonwealth. Quasi tutte sono circondate da barriera corallina e banchi di sabbia, e sono caratterizzate da caverne sotterranee e sottomarine che scendono fino a una profondità di 180 m. In generale, le isole hanno un clima dolce in ogni stagione, con una media di 320 giorni di sole all’anno, e sono rinfrescate dai venti alisei che soffiano da est. E nelle acque a est delle isole si avvistano spesso vari tipi di balene e di delfini.
Presto volare alle Bahamas sarà ancora più piacevole. L’aeroporto internazionale di Lynden Pindling (LPIA) a Nassau (la capitale, sull’isola di New Providence), il più grande dell’arcipelago, sta infatti avviando la seconda fase di un progetto di ampliamento e riqualificazione dal valore complessivo di oltre 400 milioni di dollari. La prima fase si è appena conclusa con l’inaugurazione del nuovo terminal per i voli da e per gli Stati Uniti. A seguire verranno realizzati due nuovi terminal, uno per gli arrivi internazionali e uno per i voli interni che permettono ai turisti di raggiungere oltre 30 isole. Al termine dei lavori, previsto per il 2013, l’aeroporto consentirà il transito di oltre 5 milioni di passeggeri. Al suo interno si troveranno anche splendidi giardini e numerosi negozi (www.bahamas.it).

Barbados
Sono 1.280 gli italiani che nel primo trimestre del 2011 hanno visitato Barbados: un + 9%, con un incremento record del 49% nel mese di marzo. Cresce quindi l’interesse per questa isola caraibica che grazie alla sua posizione privilegiata fra il Mar dei Caraibi e l’Oceano Atlantico gode di un clima ideale tutto l’anno, anche d’estate. Obiettivo prioritario di Barbados Tourism Authority è quindi di sostenere questo trend e di incrementare in modo significativo i flussi turistici dall’Italia sviluppando un collegamento aereo diretto per Barbados. La più orientale delle isole caraibiche è uno stato indipendente nell’ambito del Commonwealth, ed è nota anche come la Piccola Inghilterra: ci sono vecchie chiese anglicane in pietra in ogni quartiere di Bridgetown (la capitale), corse di cavalli al sabato e ritratti della regina Elisabetta appesi ovunque, ma gli isolani, i Bajan, hanno sempre avuto la tendenza ad appropriarsi delle usanze inglesi piuttosto che adottarle. L’isola è circondata in gran parte da barriere coralline, ma mentre la costa occidentale offre spiagge di sabbia bianca e tranquille acque turchesi, la costa orientale sull’Atlantico è caratterizzata da scogliere ed è più turbolenta. Barbados può vantare 300 giorni di sole all'anno, e gli alisei costanti mantengono sempre fresche le temperature diurne.
Redjet, la nuova linea area low cost di Barbados, sarà operativa dall’8 maggio con voli per la Guyana, Giamaica (Kingston) e Trinidad. I collegamenti saranno effettuati con due MD 82 da 149 posti, tutti in Economy, acquistati da American Airlines. Le tariffe vanno da 9,99 a 49,99 dollari, escluse le tasse e quote extra per il check in, i pasti a bordo e la priorità nell’imbarco (www.redjet.com).

Bermuda

Come ogni anno, a partire da maggio, l’incontaminata barriera corallina di Bermuda torna a ospitare i numerosi appassionati di snorkeling e diving che vengono a immergersi in uno dei più bei tesori naturalistici del mondo. Tra i 400 relitti storici dei fondali bermudiani, alcuni risalgono al XV secolo e la loro unicità permette di frequentare, tra gli altri, il PADI Wreck Historian Distinctive Specialty (corso PADI nella specialità dei relitti storici) e conseguire il relativo brevetto.
Un appuntamento importante, dal 17 al 19 ottobre, è con l’edizione 2011 del PGA Grand Slam of Golf, ospitato dal Port Royal Golf Course a conclusione della stagione golfistica internazionale. Partner dell’evento e hotel ufficiale del torneo è il Fairmont Southampton, che offre pacchetti soggiorno dedicati ai partecipanti. (www.bermudatourism.it)

Cuba

Cuba fa parte delle Indie Occidentali e si trova all'interno dell’arcipelago delle Antille. L’Avana, la capitale, è la città più grande dei Caraibi, e vanta un nucleo antico che rappresenta forse il più bel complesso di architettura coloniale spagnola nelle Americhe. Inoltre ha una vivace vita notturna, con cinema, teatri storici, cabaret, nightclub, e locali dove si suona musica dal vivo. Santiago de Cuba, la seconda città per estensione, è considerata la “culla” della rivoluzione e ha una caratteristica atmosfera caraibica.
A Cuba appartiene anche l’Isla de la Juventud, 220 kmq, e oltre 4.200 isole coralline, in genere basse e disabitate. Gran parte del territorio cubano è occupato da fertili pianure, dove viene allevato il bestiame e vengono coltivati canna da zucchero, caffè e tabacco. Inoltre ci sono oltre 6.000 specie di piante, di cui circa la metà sono endemiche. La costa meridionale è caratterizzata in gran parte da foreste di mangrovie che favoriscono la presenza di piccoli pesci e uccelli marini, mentre la costa settentrionale è in maggior parte aspra. Non ci sono grosse differenze di temperatura tra le varie stagioni: la stagione umida estiva va da maggio a ottobre, l’inverno, più secco, va da novembre ad aprile, comunque il clima subtropicale è reso ancora più gradevole dai leggeri alisei nordorientali, che tra dicembre e aprile favoriscono le onde (ma chi vuole fare surf deve portarsi la propria tavola perché non è possibile noleggiarla in loco). C’è anche una splendida zona per le immersioni subacquee, e gli oltre 30 centri specializzati che noleggiano l’equipaggiamento organizzano immersioni e corsi. Anche la pesca d’altura è molto praticata. Inoltre ci sono tante opportunità per praticare trekking ed escursioni a piedi e a cavallo.

 

Dominica
Soprannominata “l’isola della Natura”, Dominica è uno stato indipendente del Commonwealth britannico e ha un entroterra con foreste pluviali, laghi, sorgenti termali e più di 200 fiumi, per cui rappresenta una destinazione ideale per i subacquei, gli escursionisti e i naturalisti. A questo proposito l’isola sta realizzando il Waitukubuli National Trail, un percorso di trekking sponsorizzato dal governo di Dominica e dall’Unione Europea, che una volta completato (la fine dei lavori è prevista entro l’anno) sarà lungo oltre 185 km.
L’intero percorso, suddiviso in 14 tappe, potrà essere coperto in un paio di settimane, e per il pernottamento gli escursionisti avranno a disposizione un’ampia scelta di homestay e bed & breakfast. Dominica ha il più gran numero di specie di uccelli dei Caraibi Orientali; sono state avvistate più di 160 specie di uccelli, di cui 59 nidificano sull’isola. (www.dominica.gov). 

Giamaica

È stato completato il nuovo terminal crociere a Falmouth, sulla costa settentrionale di Giamaica, che consentirà l’ancoraggio simultaneo di due navi da crociera. L’Historic Falmouth Port, come è stato battezzato, ospita anche ristoranti e bar, negozi e un’area residenziale dove i viaggiatori in transito possono passare un paio di giorni, prima di imbarcarsi. Le prime navi ad attraccare al porto sono state Navigator of the Seas di Royal Caribbean e, a seguire, “Oasis of the Seas”, con i suoi 5.400 passeggeri, e Allure of the Seas. Tra gli eventi in programma sull’isola, segnaliamo Japex 2011, la più importante borsa turistica della Giamaica, che si terrà dal 18 all’21 ottobre presso il Montego Bay Convention Centre. L’evento è sponsorizzato dal Jamaica Tourist Board, in collaborazione con la Jamaica Hotel & Tourist Association.
Infine ricordiamo che Condor Airlines ha confermato che anche il prossimo inverno collegherà Montego Bay con due voli settimanali (mercoledì e domenica) da/per Francoforte, con coincidenze con voli Lufthansa da molte città italiane. (www.visitjamaica.com)

Grenadine

L’arcipelago di St Vincent e Grenadine (SVG), una meta turistica tra le più ricercate dei Caraibi, sta per lanciare un nuovo logo e per realizzare importanti investimenti in numerosi progetti di sviluppo, mirati a valorizzare le numerose attrattive naturali delle sue 32 isole, tra cui Mustique, prediletta dal jet set internazionale e location del film Pirati dei Caraibi.
Glen Beache, ceo di St. Vincent e Grenadine Tourism Authority, annuncia che i progetti includono tra l’altro: il completamento dei lavori relativi alla realizzazione dell’aeroporto internazionale Argyle entro il 2013; l’implementazione degli standard qualitativi per taxi, tour operator, hotel e veicoli a noleggio; un investimento di 250 milioni di dollari per l’upgrade del resort Raffles by Sandy Lane, ribattezzato Canouan Resort; il restyling da 60 milioni di dollari per Petit St Vincent, one-island resort; l’inaugurazione di 15 siti turistici attraverso un progetto finanziato dall'Unione Europea.
E per quanto riguarda il settore alberghiero, a St Vincent è stato appena inaugurato il Buccament Bay, primo hotel del gruppo Harlequin Hotels and Resorts: un 5 stelle che offre servizi d’eccezione in particolare per gli sportivi, grazie alla scuola di calcio firmata Liverpool FV, all’accademia di tennis Pat Cash, al centro Dving con brevetto PADI, fino ai corsi di vela e alle escursioni in barca. (www.discoversvg.com)

Portorico
Bagnata a nord dall’Oceano Atlantico e dal Mar dei Caraibi a sud, l’isola di Portorico fa parte del Commonwealth degli Stati Uniti d’America: quattro secoli di cultura ispanico-caraibica convivono così con elementi tipicamente americani, in un contrasto intrigante tra grattacieli e baracche, piazzette e autostrade, mercatini e negozi di grande catene. San Juan, la capitale,  è una città moderna e vivace, ma vanta un centro storico coloniale che risale all'inizio del XVI secolo, per cui è la seconda città più antica delle Americhe (dopo Cuzco, in Perù).
Le migliori spiagge di San Juan sono all’Isla Verde e a Condado, la pittoresca Luquillo, 30 km a est della capitale. Per chi fa pesca subacquea nelle acque vicino alla capitale ci sono marlin, tonni e sailfish. Il principale centro per la navigazione a vela è Fajardo, dove si trovano molte imbarcazioni in affitto; mentre per chi fa surf la zona migliore è la costa nordoccidentale, tra Rincón e Isabela (il periodo più adatto va da ottobre ad aprile) e gli appasionati di windsurf sfruttano i venti che soffiano sulla costa atlantica del nord, specialmente nei pressi di Isla Verde. E da gennaio a marzo nei pressi di Rincón si possono osservare le balene.
L’entroterra dell’isola offre invece la possibilità di effettuare moltissime escursioni, in particolare nella foresta pluviale di El Yunque, che si trova nella regione nordorientale di Portorico. Qui, a mezz’ora d’auto da San Juan, sorge tra l’altro il St Regis Bahia Beach Resort (inaugurato lo scorso novembre): circondato dalla riserva nazionale del fiume Espíritu Santo, offre anche una spa e un campo di golf, nonché il servizio di maggiordomo tipico del marchio St Regis.

 

Repubblica Dominicana
Si è appena aperta la stagione della pesca d’altura a Cap Cana, che fino ad agosto compreso vedrà accorrere i più grandi pescatori del mondo per partecipare a interessanti competizioni. Tra cui dal 25 al 28 di maggio il Puerto Light Tackle, promosso dal Club Nautico di Puerto Rico nelle acque dominicane; cui farà seguito dal 31 maggio al 5 giugno un’altra gara importante, la Dominican Republic International Cap Cana Billfish Shootout, patrocinata dal ministero del turismo dominicano al fine di promuovere non lo solo l’attività sportiva, ma anche la cultura.
Nel frattempo, con l’obiettivo di approfondire lo sviluppo di Santiago, una delle principali province ecoturistiche del Paese, il ministero del turismo e dell’ambiente ha inaugurato la Ruta del Caffè nel parco ecologico di La Cumbre, che vanta un paesaggio incantevole e una storia antica. Il percorso, oltre all’approfondimento delle diverse varietà di caffè prodotte, comprende la visita di un antico palazzo, costruito nel 1927 da dove si gode anche un magnifico panorama. Con le sue spiagge di sabbia bianche, le sue imponenti catene montuose, i suoi fiumi e i suoi laghi la Repubblica Dominicana vanta del resto dei paesaggi davvero splendidi, e ha molto da offrire anche agli ecoturisti, tra immersioni subacquee ed escursioni nei parchi nazionali. Senza dimenticare che la Bahía Samaná è una delle località preferita dalle megattere per riprodursi: diverse compagnie di navigazione organizzano escursioni di whalewatching, per osservare le balene. Santo Domingo, la capitale, è una città tipicamente caraibica, vivacissima ed eccitante, ricchissima di edifici coloniali; inoltre vanta la più antica cattedrale delle Americhe, la Catedral Primada de América.

Saint Lucia
La verde e montuosa Saint Lucia è una delle destinazioni caraibiche più alla moda, eppure l’isola non ha perso il suo aspetto rurale, con piccoli villaggi costieri di pescatori e un entroterra con piantagioni di banane e palme da cocco. Castries, centro commerciale e capitale dell’isola, è un’animata città portuale che si affaccia su un grande porto naturale. La costa è punteggiata da spiagge e baie riparate, mentre a sud s’innalzano drammaticamente dalla costa le due cime vulcaniche gemelle dei Pitons, la cui sagoma costituisce uno dei panorami più caratteristici e suggestivi di quest’isola lunga circa 44 km e larga 23 km. I due Pitons fanno anche da sfondo alla cittadina costiera di Soufrière, il cui nome deriva dalle vicine sorgenti solforose. Tra le tante baie, Marigot Bay è un popolare ancoraggio per le imbarcazioni da diporto, e ha anche una piccola spiaggia orlata di palme; mentre Rodney Bay è una grande baia riparata su cui affaccia il piccolo villaggio di pescatori di Gros Islet. La vegetazione dell’isola comprende zone aride e una foresta pluviale con lussureggianti vallate. Alla fine di febbraio all’interno di una piantagione di cacao, nella storica Rabot Estate, una proprietà di 56 ettari situata sulla costa occidentale dell’isola, è stato inaugurato l’Hotel Chocolat, che offre sei camere di charme e la possibilità di seguire la coltivazione e la lavorazione del cacao. (www.hotelchocolat.co.uk).


Isole Vergini Usa
Le isole Vergini Americane comprendono tre isole principali (St Thomas, St John e St Croix) e oltre 60 isolette. St Thomas, dove si trova la capitale delle Isole Vergini, Charlotte Amalie ((chiamata così in onore della moglie del re danese Christian V), vanta forse le migliori spiagge di sabbia bianchissima dei Caraibi, come quella della Magens Bay, classificata come una delle dieci spiagge più belle del mondo. St Croix, la più grande delle Isole Vergini, è caratterizzata da colline ricoperte di verde e fertili pianure ed è circondata da barriere coralline. Di fronte alla costa nord-orientale di St Croix si trova la disabitata Buck Island: l’intera isola e la barriera circostante sono state dichiarate riserva naturale, ma vi si possono fare interessanti immersioni ed esplorazioni sottomarine; mentre il Virgin Islands National Park sull’isola di St John offre la possibilità di effettuare numerose escursioni lungo sentieri ben segnalati, alcuni dei quali attraversano le vecchie piantagioni di canna da zucchero.
Sull’isola di St John si trova anche la famosa Honeymoon Beach, il posto preferito dai fotografi in cerca di sfondi esotici. Per visitare le isole si può affittare un’imbarcazione al porto di Red Hook sull’isola di St Thomas, a Christiansted sull’isola di St Croix, e alla Cruz Bay sull’isola St John. Diversi traghetti collegano le isole tra loro, e nel weekend si può raggiungere anche Fajardo, in Portorico.


Ultimi articoli in Speciale Caraibi


Pillole da oltreoceano

07 Maggio 2015

Anteprima d’estate

02 Maggio 2013