Giornale del 16 Ottobre 2012 - Speciale TTG Incontri - parte 1 - sfoglia il giornale

I top player a Bit 2013

MONDO BIT

16-10-2012 NUMERO: 32

Invia
Bit World intAlcuni dei top player hanno confermato da tempo il loro consueto appuntamento con la grande rassegna italiana, che nell’edizione scorsa ha presentato 2mila espositori in arrivo da 120 Paesi, su un’area espositiva di 86mila metri quadrati. E le adesioni proseguono a ritmo sostenuto in questi giorni, mentre si prepara la prossima edizione di Bit, da giovedì 14 a domenica 17 febbraio 2013 al quartiere fieramilano a Rho.

A Milano in Fiera da tutto il mondo
Tra i primi ha confermato l’Austria, partner storico di Bit e dell’Italia che è la prima destinazione dei viaggiatori austriaci (preferita da oltre il 21%), i quali valgono il 5% delle nostre entrate valutarie in turismo: dato della Banca d’Italia. Ci sarà anche la Russia, decisiva tra l’altro per la tenuta delle presenze in Emilia Romagna ad agosto scorso, malgrado il calo degli italiani. Altre conferme importanti vengono dal bacino Mediterraneo, con Cipro, Israele, la Tunisia, e con il debutto di Malta, per la prima volta alla Bit.


 Dall’Asia si conferma l’India, che attualmente vale per l’Italia circa 400mila presenze (dato Enit), tutte di big spender attratti dall’Italian lifestyle, e con un enorme potenziale di crescita: in India, fa sapere la Camera di Commercio Italo-Indiana, ci sono 5 milioni di super ricchi.
Dalle Americhe tornano puntuali gli Stati Uniti, la meta extraeuropea più visitata dagli italiani, storico bacino di mercato per le nostre città d’arte e le riviere; dai Caraibi ha confermato la Repubblica Dominicana, dal Sudamerica l’Argentina, dove il 50% degli abitanti ha origine italiana. Tra le compagnie aeree confermate ci sono già Livingston Air e Air Dolomiti; tra i tour operator Just Brazil, specialista di Brasile.

New Bit, con il mercato
Tra le novità di Bit per il 2013 – nel format New Bit – per la prima volta un settore Italy articolato in quattro macroaree tematiche: enogastronomica, culturale, naturalistica, sportiva. Mentre il Tourism Collection diventa un Business Village (pad. 2/4, accanto all’area The World) solo per gli operatori – tour operator, crociere, catene alberghiere, vettori aerei, marittimi e ferroviari, noleggi, società di servizi e tecnologie – da giovedì 14 a sabato 16 febbraio. Completano l’offerta gli eventi formativi e le sale Adutei, con Destination e Travel Training, che nel 2012 hanno richiamato oltre 2mila professionisti.

Un’Italia a Soggetto
Novità in chiave tematica anche a Bit Buyitaly (18mila appuntamenti nel 2012) con le giornate dedicate a Leisure, Culturale/Enogastronomico, Lusso, Mice/ Business Travel: primo giorno per agli appuntamenti prefissati agli stand e i successivi all’interno di Buyitaly. La tessera Seller non è più riservata ai soli co-espositore delle Regioni. Nuova anche l’area dedicata alle olta, per incontrare le più importanti. Sono attesi 700 buyer da oltre 60 Paesi, anche dai Bric (Brasile, Russia India e Cina) e dall’Est Europa.
 Bit Buy Club infine è un’intera giornata per gli operatori del turismo sociale e associato, con 150 seller nazionali e internazionali tra t.o., agenzie e consorzi di commercializzazione, che incontrano 100 buyer nazionali e internazionali, Cral e dopolavoro, associazioni, club e gruppi di interesse provenienti da 11 Paesi.

 

Enti del turismo: I perché di un’occasione immancabile

Austria. Bit 2013 sarà la prima per Michael Strasser alla guida di Austria Turismo in Italia, dove succede a Fritz Bauer che in questi giorni, compiuti i 65 anni, conclude la sua lunga carriera con l’ente austriaco. «Siamo qui – dice Strasser – perché l’Italia per l’Austria è uno dei mercati più importanti e fedeli, e i contatti stretti nel corso degli anni non possono essere sostituiti da mondi virtuali. La Bit ci offre l’opportunità di questi incontri personali». Strasser  ha lavorato con Austria Turismo dal 1990, anche in Germania, Russia, Scandinavia, Spagna e Giappone, e ha anche aperto il primo ufficio turistico occidentale nel CSI, nel 1995. Partner storico di Bit, Austria Turismo torna puntuale all’immancabile appuntamento: dopo l’estate e prima della neve, arrivano le proposte di mezza stagione, tempo di passioni culturali: la mostra sull’Imperatrice Elisabetta viaggiatrice al Museo del Mobile di Vienna, il concerto al pianoforte di Mozart nella sua casa viennese; a Salisburgo tra fine ottobre e inizio novembre il Festival del Jazz. E poi le offerte gastronomiche degli alberghi dell’Associazione l’Austria per l’Italia Hotels, tra biologico e cucina creativa, l’offerta dell’Hotel Sacher di Vienna, fra camere storiche e la mitica torta. E infine l’apertura, a marzo 2013, della Kunstkammer del Kunsthistorisches Museum di Vienna.

Israele. Il Paese viene in Bit fin dalla prima edizione, oltre 30 anni fa. «Bisogna esserci – dice Tzvi Lotan, direttore per l’Italia dell’Ufficio del Turismo Israeliano – per comunicare tutte le potenzialità della destinazione al trade e al pubblico, e per lanciare l’offerta meno nota, come il deserto, il mare o l’archeologia, il meraviglioso food and wine di Israele. Inoltre ai nostri operatori, insieme alla fiera, possiamo offrire servizi vari e privilegiati». Israele porta in Bit anche ottime notizie: la meta batte la recessione con arrivi in aumento del 7% da tutto il mondo, e dell’11% dall’Italia. «Perché oltre al turismo spirituale – dice Lotan –  cresce il segmento del leisure che prima non pensava a Israele». E che ora scopre il city break a Tel Aviv realizzato grazie al Club Israele, promozione che avrà presto anche un’estensione ad Eilat, il long week end a Gerusalemme, a sole 3 ore dall’Italia, e programmi tailor made su natura e spiritualità in Galilea, natura e vacanza attiva nel deserto del Negev. Si conferma così la campagna anima e corpo di Israele, con una nuova creatività su food & wine. Tornano a Bit le DMC israeliane, il vettore di bandiera El Al, e gli operatori italiani con i loro nuovi percorsi tematici. Nel frattempo si preparano la III edizione della Maratona di Gerusalemme, quella di Tel Aviv (dove intanto è l’anno dell’arte e del design) e una ricca stagione musicale, tra l’altro con Turandot a Masada a giugno, quarto evento dopo, Aida, Nabucco e Carmen.

Cipro. «Bit è un’ottima vetrina internazionale – dice Christos Tsiakas, direttore dell’Ente del Turismo di Cipro in Italia – ci fa incontrare t.o. e agenti di viaggi, e soprattutto il pubblico dei viaggiatori. E rinforza la nostra immagine di meta alternativa nel Mediterraneo». Cipro annuncia da Bit un successo crescente: nei primi otto mesi del 2012 gli arrivi dall’Italia sono quasi raddoppiati. «Anche grazie – dice Tsiakas – all’ottimo dialogo con il trade». Prosegue infatti per tutto marzo l’offerta di soggiorno gratuito per gli adv, con selezionati hotel ciprioti, abbinata a tariffe di volo molto vantaggiose. Tornano a primavera gli educational Full Immersion Training, per scoprire a fondo la bella Isola di Venere. A partire dai temi conduttori della promozione, centrata su destagionalizzazione e sul prodotto di nicchia: il viaggio di fede, culturale, sportivo, di benessere e medicale. In primo piano l’offerta per il golf, tutto l’anno con quattro campi di qualità, il turismo rurale, i nuovi hotel boutique e di charme, nei villaggi dell’entroterra. Meta ideale anche per gli sposi, con una e-brochure wedding sul sito dell’ente di Cipro.

 

Bit aderisce a Visit Usa Italia

Bit è entrata in Visit Usa Italia, l’associazione che riunisce tutti i player pubblici e privati, italiani e non, dedicati alla promozione del turismo italiano negli Usa: t.o. e gruppi alberghieri, agenzie, enti del turismo e imprese di rappresentanza. «L’adesione a Visit USA – commenta Marco Serioli, direttore divisione exhibitions di Fiera Milano –  conferma la capacità di Bit di fare sistema, trasformando il dialogo costante con le imprese in opportunità di business per gli operatori: sia per il prodotto Italia che per quello overseas, che offre agli operatori professionali italiani e internazionali opportunità in tutto il mondo. Siamo in sintonia con Visit USA, insieme puntiamo alla crescita e allo sviluppo». Soddisfatto Sandro Saccoccio, presidente di Visit USA Italia: «Bit è una grande azienda – afferma – marchio storico tra le fiere del turismo internazionale». Nel 2011 gli arrivi italiani negli Usa sono stati oltre 890mila, il 6% più del record del 2010. Per gli USA l’Italia è l’undicesimo mercato internazionale e il quarto in Europa, e con oltre 4 miliardi di dollari è il top spender europeo per servizi di turismo negli Usa .
http://bit.fieramilano.it/


Ultimi articoli in MONDO BIT