Giornale del 14 Novembre 2012 - sfoglia il giornale

Spedizione in Nord California

DESTINAZIONI

14-11-2012 NUMERO: 36

Invia
Italy Meets Northern California 2012: Massimo Loquenzi (Master Consulting), Roberto Carelli (Delta), Giovanni Carani (Air France-KLM), Silvio Rebula (Visit Usa Italy), Giovanna Speranza (Alitalia), Sandro Saccoccio (Visit Usa Italy)Per Stevenson era la babele del Nuovo Mondo, dove i passanti cambiavano volto «come le immagini di una lanterna magica». La città «più cordiale e amichevole dell’Unione», per Mark Twain. «Un incrocio unico di castità e dissolutezza», secondo Vittorio Zucconi. È tutto e di più San Francisco, prima tappa di Italy Meets Northern California, mega fam trip che ha condotto sulla West Coast 35 tour operator esperti di Stati Uniti. Una sorta di “Usa tasting”, un assaggio di destinazione, che dopo Frisco – nomignolo della città – ha attraversato in treno la Napa Valley dei vigneti, fino a Monterey, Carmel by-the-sea e la Contea di San Mateo, frontiera nord della Silicon Valley.


Aspettando l’America’s Cup
Con un piede nel passato e la gamba tesa verso il futuro, San Francisco incanta i neofiti, non delude i repeater. La traversata aerea di oltre 12 ore non scoraggia gli operatori. Dalle hall del Marriott e dell’Handlery Union Square, a due passi dalla piazza dello shopping, parte la prima passeggiata lungo Market Street fino al quartiere cinese, tra scorci sofisticati e angoli kitch. Terra di ossimori, Frisco.


Nel 2011 la città ha accolto 100mila visitatori dall’Italia su 178mila in tutta la California. «Numeri destinati a crescere», secondo Joe D’Alessandro, presidente e ceo di San Francisco Travel Association. A livello mondiale, ci pensa Lonely Planet a incoronarla: è la prima destinazione al mondo, seguita da Pechino e Amsterdam. Oltre a essere la capitale della tolleranza – con il quartiere gay di Castro, l’assistenza agli homeless e il retaggio hippie – da quest’anno è anche il cuore pulsante dello sport. «A giugno scorso abbiamo ospitato gli U.S. Open di tennis – ricorda D’Alessandro – nel 2013 toccherà all’America’s Cup», che vedrà sorgere il nuovo Pier 27 Cruise Terminal.


«San Francisco è la città statunitense preferita dagli italiani», precisa il suo vice Matt Stiker durante la conferenza all’Hilton Financial District del sesto Italy Meets, l’evento itinerante organizzato da Master Consulting, in collaborazione con US Commercial Service e l’associazione Visit USA, e con il supporto di Visit California e della Joint venure nordatlantica (Alitalia, Air France-KLM e Delta, vedi box). «È il primo Italy Meets dell’era Brand Usa – ricorda l’ideatore Massimo Loquenzi, rappresentante in Italia della US Travel Association – Nella fase peggiore dell’industria turistica, gli Stati Uniti non hanno registrato alcun calo. Questo evento anticipa le strategie promozionali per l’Italia».

Duemila ‘expert’ tra gli adv
La California, in particolare, considera l’Italia un bacino strategico: tanto per la capacità di spesa, quanto per gli arrivi. «Nel 2011 ha registrato una crescita del 9%», informa Lynn Carpenter, vice presidente marketing di Visit California, che insieme al console Mauro Batocchi ha accolto i tour operator a San Francisco.

 

L’ente ha a disposizione 50 milioni di dollari per le attività promozionali. Di questi, 20 sono investiti sul mercato domestico e 30 su quello internazionale. «L’Italia per ora deve accontentarsi di 150mila dollari, rispetto ai 6 milioni del Regno Unito. Una cifra che non le rende giustizia», fa notare Loquenzi, che chiede di rivedere già nel 2014 l’assegnazione dei budget. La dotazione economica serve anche a finanziare le attività di formazione per il trade, come il programma California Expert (www.californiaexpert.travel), che oggi conta 2mila adv iscritte a cui offre informazioni aggiornate e pacchetti con tariffe ad hoc.

Wine Train - Nord CaliforniaDa Sideways a Steinbeck
«È una destinazione per tutti i target», insiste Lynn Carpenter. Piace ad adulti e bambini la California Academy of Sciences, con il suo planetario, così come la crociera nella baia che attraversa il Golden Gate Bridge su una motonave Red and White Fleet. Tra filari di viti e sorsi di sauvignon, Napa Valley ha un’identità ben precisa: meta ideale per gli amanti dei vini e del verde che dagli anni Sessanta ha costruito un impero sull’uva. Location del film Sideways, la contea si estende su 2mila km. I vigneti sono separati dalle rotaie del Wine Train Napa Valley, un treno old style dove è possibile pranzare e degustare i vini più pregiati. Tappa da intenditori è la Robert Mondavi Winery, che prende il nome dalla “star dei vini californiani” che nel 1968 creò l’etichetta Fumé Blanc. A 4 anni dalla sua scomparsa, l’azienda continua a proporre degustazioni e visite guidate, coniungando l’arte con l’enoturismo. Proprio il food&wine è uno dei prodotti-chiave per Visit California. Che punta anche sulla natura e il golf lungo la 17 Mile Drive. La strada panoramica parte da Monterey – la città sul Pacifico celebre per il suo acquario (www.montereybayaquarium.org), le foche nella baia e i racconti di John Steinbeck – e costeggia 21 punti di interesse, tra cui il Lone Cypress, il cipresso più fotografato del mondo. Tra coste rocciose e colline smeraldo, si attraversa Pacific Grove, Pebble Beach, fino a Carmel by-the-sea. Terra di golfisti, miliardari e surfer, dove la California più somiglia a se stessa.

 

La joint venture transatlantica

Partner di Italy Meets Northern California è la joint venture transatlantica. Nata nel 2009 da un accordo tra Air France-KLM e Delta, ha visto l’anno dopo l’ingresso di Alitalia nella squadra. la cosiddetta JV si applica a tutti i collegamenti tra Usa, Canada, Messico ed Europa, tra Amsterdam e India e tra Nord America e Tahiti e gode della Trans-Atlantic antitrust immunity, riconosciuta dal governo americano. Il network è strutturato su 7 hub principali: Roma Fiumicino, Amsterdam, Atlanta, Detroit, Minneapolis, New York JFK e Parigi CDG. Alitalia è l’unica compagnia a collegare in modo diretto l’Italia con la California con il volo Roma-Los Angeles operato con 5 frequenze settimanali in estate. Il servizio risponde alla crescente domanda di traffico verso la costa occidentale degli Usa (www.alitalia.com - www.delta.com - www.airfrance.it - www.klm.com).

 

Nella foto in alto: Massimo Loquenzi (Master Consulting), Roberto Carelli (Delta), Giovanni Carani (Air France-KLM), Silvio Rebula (Visit Usa Italy), Giovanna Speranza (Alitalia), Sandro Saccoccio (Visit Usa Italy).
www.visitcalifornia.com

Roberta Rianna

Ultimi articoli in DESTINAZIONI