Giornale del 12 Dicembre 2012 - sfoglia il giornale

Amsterdam, un nuovo anno ricco di eventi

DESTINAZIONI

12-12-2012 NUMERO: 40

Invia
Olanda 2012Il 13 aprile 2013, dopo importanti lavori di rinnovamento, riaprirà ad Amsterdam il Rijksmuseum, situato in Museumplein, nel centralissimo quartiere dei musei, della moda e dell’antiquariato.

 

«L’attenta ristrutturazione realizzata dallo studio Cruz y Ortiz di Siviglia – spiega Tim Zeedijk, Head of Exibitions Rijksmuseum – ha trasformato l’edificio ottocentesco in un ampio e moderno museo, conservando e riportando agli antichi splendori le belle sale della fine dell’Ottocento, con soffitti preziosi, pareti riccamente rivestite e splendidi pavimenti a mosaico».

 

Nelle 80 sale rinnovate si potrà ammirare una delle più grandi collezioni d’arte del mondo, con capolavori esposti in ordine cronologico e, secondo un nuovo modello espositivo, insieme ad altri oggetti: stampe, argenti, fotografie, porcellane, maioliche, mobili, gioielli e costumi per raccontare la storia dei Paesi Bassi dal Medioevo ai giorni nostri.

 

«Da sottolineare la Sala delle Eccellenze – aggiunge Zeedijk – dove saranno esposte le opere del “secolo d’oro olandese”: da Rembrandt Van Rijn, con celebri quadri come “Ronda di notte”, a Frans Hals, Jan Steen e Jan Vermeer».

 

Tra le novità del nuovo Rijksmuseum, che sarà aperto 365 giorni all’anno, con ingresso libero per bambini e ragazzi fino a 18 anni, anche un particolare padiglione, con facciata di vetro e linee insolite, dedicato all’arte orientale con 365 opere, una per ogni giorno dell’anno, dal 2000 a.C. al 2000 d.C.. E ancora, un grande giardino storico aperto al pubblico di oltre 14mila mq con statue, parti di vecchi edifici, fontana, stagno, serra e anche un piccolo parco giochi. In questo particolare “museo all’aperto”, il 21 giugno 2013 sarà inaugurata una mostra retrospettiva su Henry Moore, la prima di una serie di esposizioni annuali, proposte durante il periodo estivo, dedicate ad artisti internazionali. Sarà aperta anche una nuova sezione dedicata alla cultura olandese del XX secolo con dipinti, fotografie, arredi, manifesti e film.

 

«Le collezioni del museo saranno inoltre arricchite con 123 nuovi pezzi e opere d’arte di ogni epoca tra le quali una rara sedia bianca dell’architetto e designer olandese Gerrit Rietveld del 1923 e, per l’arte giapponese, due sculture lignee del XIV secolo» sottolinea Zeedijk.

 

Per tutti i target
«La riapertura del Rijksmuseum è senz’altro l’evento principale del 2013 per Amsterdam – interviene Frans van der Avert, direttore Amsterdam city marketing – ma per tutto l’anno la città sarà teatro di un ampio e variegato programma di manifestazioni che saranno in grado di promuoverne l’immagine e le attrattive, e attirare ogni target di visitatore: giovani e anziani, residenti e turisti».

 

I primi festeggiamenti, che inizieranno già con le luci e i canti di Natale, saranno organizzati per ricordare i 400 anni della costruzione della Cerchia dei Canali, Patrimonio dell’Umanità UNESCO dal 2010, molto importanti per la vita della città dove la popolazione vive, lavora, passeggia e si diverte nei numerosi locali sulle rive, e poi fa gare di nuoto nelle acque pulite e pattina quando c’è il ghiaccio.

 

Compiranno, poi, 125 anni la Concertgebouw, la sala di concerti sulla Museumplein, e la Royal Concertgebouw Orchestra, che celebrerà l’anniversario con 51 grandi concerti in tutto il mondo, e anche a quello del 24 agosto ad Amsterdam sul Prinsengracht, mentre il 1° luglio ci sarà la commemorazione nazionale per i 150 anni dell’abolizione della schiavitù nelle ex colonie del Suriname e delle Antille Olandesi.

 

«E ancora – riprende van der Avert – una grande mostra dedicata allo zar Pietro il Grande all’Hermitage Amsterdam, nell’àmbito delle manifestazioni per ricordare lo stretto legame tra i Paesi Bassi e la Russia dello zar. E poi i 100 anni del Frans Hals Museum con una mostra delle sue 50 opere più importanti insieme a quelle dei contemporanei Rembrandt, Rubens e Tiziano. E, nel maggio 2013, i 40 anni e la riapertura del Museo Van Gogh, chiuso per lavori di restauro dallo scorso 29 settembre, le cui opere più importanti sono ora visitabili all’Hermitage di Amsterdam, e i 225 anni del Felix Meritis, l’edificio sui canali aperto nel 1788, tempio dell’Illuminismo e ancora oggi luogo di incontri per arte, scienza e cultura che, per l’occasione, il 18 aprile aprirà l’esclusivo Osservatorio per visite guidate».

 

Queste iniziative e ricorrenze saranno affiancate da altri eventi organizzate da Amsterdam Marketing come la “24 ore di Amsterdam” con visite in diverse zone delle città, «mentre nell’autunno saranno svelate le “Chambres des Canaux” – aggiunge van der Avert – con un collegamento diretto tra passato e presente attraverso mostre di alto livello di artisti contemporanei ospitate in diverse case affacciate sui canali».


In aumento gli arrivi dall’Italia
«Riguardo all’andamento del mercato – annuncia Mirjam Wortmann, direttrice dell’Ente Nazionale Olandese per Turismo e Congressi – nei primi sette mesi del 2012 gli arrivi dal mercato italiano sono stati 230mila, +2% rispetto al 2011. A livello generale, invece, l’incremento è stato del 4% con oltre 6 milioni e 800mila arrivi. L’Italia è al quinto posto tra i Paesi europei, a pari merito con i Paesi scandinavi, Finlandia compresa, mentre al primo posto c’è la Germania, seguita da Gran Bretagna, Belgio e Francia» conclude Wortmann.
 

Nella foto: Frans van der Avert, Johan S. Kramer (console generale del Regno dei Paesi Bassi a Milano), Mirjam Wortmann, Olaf Hoftijzer (direttore commerciale Air France-KLM) e Tim Zeedijk.

www.iamsterdam.com

Dorina Landi

Ultimi articoli in DESTINAZIONI