Giornale del 15 Maggio 2013 - Speciale Focus Turchia - sfoglia il giornale

Le ambizioni turche: tra i Grandi nel 2023

FOCUS TURCHIA

15-05-2013 NUMERO: 17

Invia
Enis Ugur 2013 - Turismo Turchia  intLa risposta turca alla crisi è la crescita: quella degli arrivi internazionali, balzati in avanti del 22% nel primo trimestre di quest’anno. Se i turisti stranieri sono stati oltre 4 milioni, ben distribuiti tra gennaio, febbraio e marzo, gli italiani hanno raggiunto quota 86.174 con un incremento del 29%. Le mete più gettonate? Istanbul e Izmir, l’antica Smirne, con i siti archeologici di Efeso e Pergamo che hanno accolto 6.512 visitatori dall’Italia, il 65% in più rispetto al 2012.


Lo scorso anno il giro d’affari è stato di 29,4 miliardi di dollari, una cifra notevole che la Turchia – dove il Pil è in rialzo del 3,2% e il turismo è la prima voce – intende addirittura superare.

La sfida del 2013: promuovere il mare

La prima sfida è quella dell’estate. Enis Ugur, direttore dell’Ufficio Cultura e Informazioni dell’Ambasciata, chiarisce trend e strategie del 2013: «L’obiettivo è accrescere il ruolo di meta balneare internazionale, valorizzando Antalya e la Costa Turchese, Bodrum, Fethiye, Marmaris, dove il clima è mite, le acque limpide, la gastronomia eccellente e la cultura a portata di mano». Tra aprile e settembre, l’ideale è la crociera in caicco o un soggiorno nei resort affacciati sul Mediterraneo e sull’Egeo, ma la Turchia punta anche a promuovere il patrimonio archeologico, con 11 siti inseriti nella lista dei Patrimoni dell’Umanità dell’UNESCO  e 37 in attesa di ingresso.


Lo sviluppo dell’economia turistica passa anche attraverso il rinnovo delle infrastrutture. Nel 2011 il Ministero della Cultura e del Turismo ha concesso 128,5 milioni di lire turche (circa 55 milioni di euro) a Province e Comuni. Nell’ultimo decennio il governo ha investito anche nella capacità ricettiva, che oggi è pari a 1 milione di posti letto, e nelle professioni turistiche per un totale 13.214 guide autorizzate. Sono arrivati in Turchia anche i treni ad alta velocità: oggi sono attive le linee Ankara-Eskişehir e Ankara-Konya, ma è in fase di costruzione la tratta ferroviaria che collegherà direttamente la capitale a Istanbul.


Obiettivi strategici: Olimpiadi ed Expo
Istanbul è candidata a ospitare i Giochi Olimpici 2020. È rimasta in lizza insieme a Madrid e Tokyo e la decisione definitiva verrà presa dal Comitato Olimpico Internazionale a settembre 2013. Decisivi per il buon esito dell’operazione sono il coordinamento tra centro politico e periferie amministrative, tra pubblico e privato, una visione strategica che leghi i giochi al futuro del Paese.


«Istanbul 2020 – informa Ugur – rappresenta uno dei pilastri del piano per trasformare la Turchia entro il 2023, centenario della fondazione della Repubblica, in uno dei dieci Paesi più ricchi, moderni e influenti al mondo». Bridge Together è lo slogan prescelto, in riferimento ai due continenti Asia ed Europa, ai ponti che li uniscono e allo sport come trait d’union tra culture.


La candidatura di Istanbul è parte integrante di due iniziative di largo respiro: il piano per la realizzazione di 415 nuovi impianti sportivi e 24 nuovi stadi; il piano di trasporti urbani che prevede la costruzione di un network di oltre 200 km di metropolitana (sotterranea e di superficie), oltre a strade, ponti e tunnel, per collegare tutte le zone della città, anche la sponda europea e quella asiatica attraverso il tunnel sotto il Bosforo. L’obiettivo è avere giochi “senza automobili”. Non si potrà accedere alle aree olimpiche in macchina, i possessori di biglietti potranno utilizzare gratuitamente i mezzi pubblici.


La Turchia ha presentato anche la richiesta per ospitare l’Expo 2020 nell’antica Smirne per far decollare il turismo in Turchia a partire dalla Costa Egea.


«L’Expo – conclude il direttore per l’Italia – rappresenterebbe un’occasione per far risaltare una città ricca di storia e cultura, dalle numerose bellezze archeologiche e naturali, ma anche giovane e dinamica, per tradizione aperta e multiculturale, chiamata da tutti Izmir la Bella».
www.turchia.it


Ultimi articoli in FOCUS TURCHIA


Istanbul a tutto shopping

15 Maggio 2013