Giornale del 21 Maggio 2013

Turisti cinesi, il vicepremier: «Troppo maleducati»

DESTINAZIONI

21-05-2013 NUMERO: Giornale Online

Invia
I cinesi in vacanza all’estero sono spesso maleducati e rischiano di compromettere il buon nome e l’immagine della Cina. La denuncia arriva dal vicepremier Wang Yang, durante una conferenza sullo sviluppo del turismo nel Paese. Tra i comportamenti contestati: l’abitudine di parlare in pubblico a voce alta, il mancato rispetto delle regole stradali, la consuetudine di sputare o incidere caratteri e nomi sui monumenti.

 

«La qualità di alcuni viaggiatori è ancora bassa – ha sottolineato il vice primo ministro – e ci sono molte lamentele, soprattutto dai Paesi europei, sull’etichetta dei cinesi». Per Yang, «migliorare il grado di civiltà dei cittadini e costruire una buona immagine dei cinesi sono gli obblighi del governo a tutti i livelli. Le autorità dovrebbero guidare i turisti a rispettare ordine pubblico ed etica sociale, rispettare le credenze religiose e costumi locali, prestare attenzione a linguaggio e comportamento, proteggere l’ambiente».

 

Il rappresentante del governo ha anche ricordato come l’industria del turismo sia entrata in un periodo d’oro, soprattutto ora che il Pil pro capite del Paese ha superato i 6mila dollari.


Ultimi articoli in DESTINAZIONI