Giornale del 04 Giugno 2013

Barometro Vacanze: a decidere è il budget

ATTUALITA'

04-06-2013 NUMERO: Giornale Online

Invia
Merano - Alto Adige - turisti intPrima, per le vacanze era questione di feeling, oggi è questione di pricing: lo evidenzia il 13° Barometro Vacanze realizzato da Ipsos per Europe Assistance, che ha analizzato nel dettaglio i programmi di viaggio e le preoccupazioni degli europei per l’estate 2013.

 

Condotta telefonicamente su un campione di potenziali viaggiatori di Austria, Belgio, Francia, Germania, Italia, Spagna e Gran Bretagna, l’indagine “Intenzioni e programmi degli europei per le vacanze estive”, è stata realizzata con l’obiettivo di analizzare i progetti di vacanza e di scoprire come vengono vissuti i possibili rischi che questa comporta e il livello di protezione in relazione ad essi.

 

Inoltre, in occasione del cinquantesimo dalla sua nascita, il Gruppo Europ Assistance offre un rapporto sulle evoluzioni che hanno maggiormente influito sul turismo negli ultimi 50 anni e le previsioni, se non le speranze, per i prossimi 50.

 

Cambiamento nei comportamenti di viaggio
Negli italiani sembra calare ancora l’intenzione di partire per le vacanze estive. Più in generale il perdurare della crisi ha portato, negli ultimi due anni, a un sensibile cambiamento nei comportamenti di viaggio degli europei, e il calo è imputabile, per la prima volta alle partenze singole. Se negli anni passati, infatti, veniva rilevata l’intenzione a partire almeno una volta durante l’estate (66% nel 2011), negli ultimi due si è registrata una decrescita di tale dato che ha visto scendere le intenzioni di viaggio degli europei al 58% nel 2012 e al 54% nel 2013.

 

Un calo che viene registrato in tutta Europa in modo differente da Paese a Paese. Sono infatti i Paesi del Sud Europa, dove il tasso di disoccupazione è più alto, quelli in cui si rilevano le più forti cadute: le intenzioni di andare in vacanza in Italia infatti sono del 53% (10 punti percentuali in meno rispetto al 2012 e 25 punti in meno rispetto al 2011).

 

Secondo il Barometro Ipsos-Europ Assistance, il 14% degli europei ha in programma di risparmiare sulla voce “vacanza” che, messa a confronto con altre esigenze, si posiziona al terzo posto tra le aree di “taglio della spesa”, dopo l’abbigliamento (17%) e i giochi/prodotti tecnologici e culturali (15%).

 

Gli spagnoli risparmieranno di più
Nella zona Euro il budget destinato alle vacanze estive (comprensivo di trasporto, vitto, alloggio, attività di svago, ecc) si mantiene stabile rispetto all’anno precedente con un importo di 2.104 euro contro i 2.100 del 2012. Nello specifico, l’attitudine al risparmio è maggiore quest’anno tra gli spagnoli, che destineranno alle proprie vacanze 1.607 euro (ben 256 euro in meno rispetto al 2012), seguiti dai tedeschi che spenderanno 2.343 euro, risparmiando in media 129 euro.

 

I Paesi che mantengono una certa stabilità di spesa sono la Francia, che destinerà 28 euro in più per un totale medio di spesa di 2.140 euro, e l’Italia, che spenderà 1.761 euro, registrando un +4 euro rispetto all’anno precedente. Il Belgio e l’Austria, nazioni europee con i budget-vacanze più consistenti, evidenziano un forte incremento, per una spesa complessiva di 2.508 euro (+101 euro) la prima e 2.505 euro (+325 euro) la seconda.

 

www.europeassistance.it


Ultimi articoli in ATTUALITA'