Giornale del 04 Settembre 2013

Gayborhood, il quartiere gay di Philadelphia

DESTINAZIONI

04-09-2013 NUMERO: Giornale Online

Invia
phillypride.org/gayborhoodLa vita gay e la vita notturna incentrate in una zona di Philadelphia, affettuosamente chiamata Gayborhood, da Chestnut a Pine Street tra la 11ma e Broad, caratterizzata da un’architettura unica, con strade e viali alberati, stradine acciottolate e case a schiera di mattoni rossi tra librerie, caffè, ristoranti, bar e club.

Alcuni locali di Gayborhood
iCandy è un locale con clientela prevalentemente homo: si estende su tre piani, affollati in ogni sera della settimana, in particolare durante il weekend.

Aperto dai fratelli Bill e Steve Wood, il Knock propone un menù con piatti tipici della cucina americana in un ambiente elegante.

Shampoo offre salottini privati per una serata speciale. Il venerdì una folla di ragazzi si riversa nel locale per ascoltare musica hip hop in un’atmosfera informale.

Stir è un locale raffinato dall’atmosfera tranquilla intorno a Rittenhouse Square, un luogo dove i clienti si sentono come nel salotto di casa.

Locale adatto agli amanti dello sport, dove si possono guardare avvenimenti sportivi su schermi giganti, il Tabu offre il meglio dello sport tutte le sere della settimana.

Il Tavern on Camac incontra i gusti di molti: tradizionale piano bar con karaoke al primo piano, intimi spettacoli di cabaret al secondo piano, e una discoteca dove scatenarsi fino alle ore piccole, con le musiche del DJ Salotta Tee.

L’Uncles è ubicato vicino a Locust Street, nel cuore del quartiere gay, piccolo, ideale per una serata tranquilla. Si accede con abbigliamento informale.

Voyeur è una discoteca tra le più apprezzate del momento: qui si balla fino alle due del mattino.

Nell’accogliente Westbury, il vasto bancone ovale del bar rende lo spazio circostante ideale per comodi divanetti dove rilassarsi.

Woody’s, tradizionale bar gay, si riconosce per le bandiere arcobaleno che sventolano sopra l’ingresso del locale.

Sul sito www.phillypride.org/gayborhood.php si trova una piantina interattiva del quartiere gay-friendly nonché un elenco di ristoranti, locali e negozi che interessano l’utenza GBLT.


Ultimi articoli in DESTINAZIONI