Giornale del 10 Ottobre 2013 - Speciale Focus America Latina - sfoglia il giornale

Francia d’oltremare, business in progress

DESTINAZIONI

10-10-2013 NUMERO: 30

Invia
Christian Kergal 2013 - Turismo FranciaPromozioni congiunte, eventi a tema con sponsor istituzionali, tariffe aeree appetibili e tanta formazione. Sono le richieste rivolte dai t.o. italiani specializzati nella Francia d’oltremare alle rappresentanze turistiche delle mete francesi long-haul e alle compagnie aeree presenti all’open forum promosso a Roma da Atout France.


Uno studio realizzato dall’ente rileva che il 70% dei viaggi in Francia sono venduti tramite adv. E che circa tre t.o. italiani su quattro programmano almeno una meta francese.


Un mercato dalle grandi potenzialità, penalizzato dai pregiudizi. «Mete come Réunion, Martinica, Guadaloupe, Guyana e Nuova Caledonia sono paradisi naturalistici e culturali, ma vengono percepiti solo come mete balneari», ammette Christian Kergal, direttore di Atout France in Italia. «Non sono conosciute né dagli adv, né dal consumer. Occorre avviare azioni comuni per uscire da questo anonimato». La seconda nota dolente riguarda le tariffe aeree – decisamente alte – e la scarsa propensione delle agenzie a commercializzarle. 


Da qui la richiesta di affiancare i t.o. in iniziative sul territorio e campagne promo-pubblicitarie. Le destinazioni d’oltremare sono al lavoro anche sull’individuazione di azioni efficaci, online e offline, per formare le adv. Anche Fiavet Lazio, presente al forum con il presidente Andrea Costanzo, si è detta disponibile a sostenere giornate di studio sull’altra Francia. L’obiettivo: alzare il livello di conoscenza e rendere la vendita più efficace.
it.rendezvousenfrance.com

Andrea Lovelock

Ultimi articoli in DESTINAZIONI