Giornale del 30 Ottobre 2013 - sfoglia il giornale

L’Iran di Hassan Rouhani, novità anche per il turismo

DESTINAZIONI

30-10-2013 NUMERO: 33

Invia
Hassan Rouhani - IranL’Iran è una nazione ricca di tesori culturali e artistici, tuttavia negli ultimi anni ha ospitato ben pochi turisti rispetto alle sue enormi potenzialità; in compenso – per le ragioni ben note – ha ricevuto la visita di numerosi ispettori dell’Agenzia Internazionale Energia Atomica.

 

Oggi però, dopo gli anni del governo Ahmadinejad, grazie alla nuova amministrazione di Hassan Rouhani l’Iran si sta attivando per aprire le porte agli stranieri, migliorando la propria immagine internazionale e risollevando la propria economia, da molto tempo afflitta dalle sanzioni imposte dalla comunità internazionale.

 

Mohammad-Ali Najafi, vice presidente e capo del patrimonio e dell’organizzazione turistica del Paese, ha dichiarato che l’Iran sta rivedendo le sue rigide regole sull’immigrazione con l’obiettivo di facilitare, o addirittura abolire, l’obbligo del visto per chi proviene da altre nazioni: «Nei prossimi due o tre mesi – ha dichiarato – prevedo che il numero degli stranieri che verranno a visitare l’Iran aumenterà notevolmente».

 

Le autorità iraniane, per agevolare le pratiche, divideranno i Paesi di provenienza dei turisti in tre categorie: i turisti in arrivo dalle nazioni inserite nella prima non necessiterà di alcun visto; i visitatori provenienti dai Paesi della seconda categoria potranno farne a meno solo se si recheranno in Iran all’interno di gruppi organizzati; ai visitatori della terza categoria, infine, verrà notevolmente facilitata la procedura per ottenere il visto, e molti di loro potranno riceverlo direttamente all’arrivo nel Paese mediorientale.

 

«I Paesi occidentali saranno probabilmente inseriti nella seconda o terza categoria», spiega Mohammad-Ali Najafi, e solo a 10 nazioni – come informa l’agenzia semiufficiale Isna – non sarà consentito l’ingresso: tra di esse anche Gran Bretagna, Usa, Pakistan e Afghanistan. Peraltro, i rapporti tra Stati Uniti e Iran si vanno rasserenando, anche a seguito della visita in settembre di Rouhani e Najafi all’Assemblea generale delle Nazioni Unite a New York.

 

«Questo nuovo clima politico incoraggia le visite – sottolinea Najafi – durante l’anno passato, in cui abbiamo accolto quattro milioni di visitatori, pur non avendo stime precise, la nostra industria turistica ha fatturato di circa due miliardi di dollari. Oggi il nostro obiettivo è raggiungere quota 10 miliardi».

 

L’UNESCO ha già dichiarato Patrimonio dell’Umanità 16 siti iraniani.
www.tourismiran.ir


Ultimi articoli in DESTINAZIONI