Giornale del 18 Novembre 2013

Via libera alla fusione AA-US Airways

LINEE AEREE

18-11-2013 NUMERO: Giornale Online

Invia
AMR Corporation, società controllante di American Airlines Inc., e il Gruppo US Airways, Inc. hanno annunciato la risoluzione della procedura avviata dal Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti, dagli Stati dell’Arizona, Florida, Michigan e Tennessee, dal Commonwealth di Pennsylvania e Virginia e dal Distretto di Columbia contro la fusione tra AMR e US Airways.

 

Le compagnie hanno anche annunciato un accordo con il Dipartimento dei Trasporti relativo al servizio comunitario a corto raggio dal Washington Reagan National Airport.

 

«È un momento importante per i nostri clienti, il nostro personale e i nostri stakeholder finanziari – sottolinea Tom Horton, presidente e ceo di AMR e prossimo presidente del CdA delle due compagnie aeree unite – Questo accordo ci permette di compiere gli ultimi passi nella creazione della nuova American Airlines».

 

«Si tratta di un’ottima notizia e siamo particolarmente grati a tutti coloro che si sono impegnati in tale direzione – aggiunge Doug Parker, presidente e ceo di US Airways e prossimo ceo delle due compagnie unite – In particolare, desideriamo ringraziare tutti i dipendenti che nel corso di questa fase hanno continuato a credere in un futuro migliore, che potesse scaturire dalla presenza di un’unica compagnia e che in questo periodo hanno costantemente espresso il loro sostegno con passione».

 

Secondo i termini dell’accordo, le compagnie dovranno cedere 52 coppie di slot del Washington Reagan National Airport e 17 coppie di slot del New York LaGuardia Airport, così come alcuni gate con i relativi servizi ai passeggeri all’interno di questi aeroporti. I due vettori dovranno inoltre cedere due gate con i relativi servizi in ciascuno dei seguenti aeroporti: Boston Logan International Airport, Chicago O’Hare International Airport, Dallas Love Field, Los Angeles International Airport e Miami International Airport. Le cessioni dovranno avvenire attraverso un processo approvato dal Dipartimento di Giustizia in seguito al completamento del processo di fusione. Nonostante le cessioni, la nuova American prevede ancora di realizzare oltre 1 milione di dollari in sinergie annuali a partire dal 2015, come stimato nel febbraio 2013 quando il processo di fusione è stato annunciato.

 

Dopo il completamento del processo di cessione dei diritti su alcuni scali, la nuova compagnia prevede di operare 44 partenze giornaliere in meno dall’aeroporto di Washington Ronald Reagan e 12 partenze giornaliere in meno dall’aeroporto LaGuardia di New York, rispetto ai 290 voli giornalieri da Washington e ai 175 voli giornalieri da New York LaGuardia operati al momento da American Airlines e US Airways. I disinvestimenti su queste rotte richiesti dai termini dell’accordo non prevedono alcun impatto sul personale della nuova American.

 

Per assicurare il servizio attualmente operato dalle due compagnie dall’aeroporto di Washington Ronald Reagan verso mercati di piccole e medie dimensioni, la nuova American ha siglato un accordo col Dipartimento dei Trasporti che consente l’uso di tutti i suoi slot a corto raggio per servire le comunità interessate.

Nell’accordo con le procure generali di Stato, la nuova American ha accettato di mantenere i suoi hub di Charlotte, New York, Los Angeles, Miami, Chicago O’Hare, Philadelphia e Phoenix coerentemente con la sua operatività storica per un periodo di tre anni. Inoltre, fatte salve limitate eccezioni, la nuova American continuerà a fornire servizi di linea giornalieri per un periodo di cinque anni da uno o più dei suoi hub verso ognuno degli aeroporti previsti dal contratto e che prevedono voli giornalieri sia di American che di US Airways. Il precedente contratto con il Texas verrà modificato in modo da allinearlo con l’accordo siglato.


Il completamento della fusione rimane subordinato all’approvazione dell’accordo da parte della US Bankruptcy Court e altre condizioni. Le due compagnie prevedono ora di completare la fusione nel dicembre 2013.
www.aa.com - www.usairways.com

Sandra Di Meo

Ultimi articoli in LINEE AEREE