Giornale del 11 Febbraio 2014 - Speciale Anteprima Bit 2014 - sfoglia il giornale

Toscana

Speciale Anteprima BIT

11-02-2014 NUMERO: 4

Invia
Le cinque mosse di Scaletti per conquistare Milano

Vacanze attive, ecosostenibilità, enoturismo e itinerari sulla Via Francigena: il sistema-Toscana punta quest’anno su quattro fattori. O meglio, cinque. «Guardiamo avanti in direzione dell’Expo 2015», annuncia l’assessore al Turismo Cristina Scaletti. «Il nostro obiettivo – spiega – è costruire sinergie e contatti che permetteranno di creare un’offerta dedicata e coerente per chi intende partecipare all’Esposizione e visitare la Toscana». Per cavalcare l’onda Expo la Regione ha organizzato una serata fuori-Bit, in cui sarà posto l’accento sulle potenzialità del territorio in vista dell’evento. Riguardo alla presenza toscana in Bit, Scaletti ricorda: «È un appuntamento orientato al b2b con 34 operatori locali raggruppati per prodotti turistici tematici».


Nell’ambito del turismo attivo, e in particolare del cicloturismo, la Toscana accelera sul progetto Via Francigena. «Per la prossima primavera è previsto il completamento della messa in sicurezza e della segnaletica di tutto il tratto toscano. Grazie a questo intervento – chiarisce l’assessore – potremo fare conoscere una Toscana inedita, la sua cultura e i suoi paesaggi. Mentre continueremo a lavorare su un progetto dedicato ai wine resort».


Russia, Brasile, Stati Uniti e Cina sono mercati-chiave extraeuropei per la regione, ma l’obiettivo è incrementare i flussi da Emirati Arabi e Corea del Sud.


Al centro della strategia promozionale c’è l’estate con le azioni online e offline previste dal Piano Italia: «Punteremo sulla motivazione di viaggio del potenziale turista, offrendo prodotti adatti a ogni esigenza». Finora, a quanto pare, la strategia ha pagato. La Toscana ha chiuso il 2013 con il segno più. «Un importante cambio di rotta», per Cristina Scaletti. Gli arrivi sono cresciuti di circa l’1%, attestandosi a quota 12,2 milioni; in aumento dello 0,5% le presenze, pari a 43,2 milioni; mentre la permanenza media è rimasta invariata rispetto all'anno precedente.


«La componente internazionale della domanda – informa l’assessore – è passata dal 52,3% al 54,5%, con i Bric in aumento del 220% dal 2005 al 2012. Le migliori performance riguardano Russia e Cina, ma anche i Paesi del nord Europa confermano l'interesse per la Toscana con un lieve incremento delle presenze, così come il nord America». Registra una flessione, invece, il mercato domestico. «Ma il calo – fa notare Scaletti – è più contenuto rispetto alle dinamiche generali».


Ultimi articoli in Speciale Anteprima BIT


Cina

10 Febbraio 2016

Nepal

10 Febbraio 2016

Egitto

10 Febbraio 2016