Giornale del 14 Febbraio 2014 - Speciale Bit 2 - sfoglia il giornale

Le Regioni: il governo è fermo, noi andiamo avanti

Speciale BIT 2

14-02-2014 NUMERO: 4 bis

Invia
Silvia Godelli per la Puglia, Cristina Scaletti per la Toscana, Fabrizio Bracco per l’Umbria, Maurizio Melucci per l’Emilia Romagna: è la squadra degli assessori al Turismo convocata in Bit dal coordinatore nazionale, l’abruzzese Mauro Di Dalmazio. Dai territori echeggia di nuovo rabbiosa la protesta: manca una politica nazionale per il turismo, «si annega nell’immobilismo di ogni successivo governo», ha insistito Melucci. E quanto alle promesse riforme istituzionali: «nessun governo potrà togliere dotazioni alle Regioni, che per il turismo utilizzano fondi propri».

 

Non solo, sottolinea Bracco, «per riqualificare i nostri agriturismi e i nostri alberghi abbiamo lavorato solo con fondi comunitari». Un impegno che tra l’altro ha guadagnato all’Umbria il premio di Trivago per il ricettivo più richiesto su grande sistema di review online.

 

In platea Andrea Babbi, il direttore generale dell’Enit, che insieme agli assessori ha tracciato gli sviluppi in corso di un dialogo rilanciato in grande stile in un solo anno della sua gestione: «Ora sono le Regioni a difenderci – ha detto – abbiamo fatto quel che ci chiedevano. Con soli 17 milioni di dotazione, a Titolo V invariato, riusciamo a portare i loro operatori su tutti i mercati che contano, emergenti e non. Anche con tre incontri a settimana in giro per il mondo. Noi lo stipendio ce lo guadagnamo, se la politica si ferma noi non possiamo farlo. Perché agli operatori non importa nulla di quale governo sia in sella, se è ora di muoversi si muovono», ha concluso Babbi.


Ultimi articoli in Speciale BIT 2


L’Expo delle speranze

13 Febbraio 2015