Giornale del 20 Febbraio 2014

Irlanda 2014 tra nuovi itinerari e ciclismo

DESTINAZIONI

20-02-2014 NUMERO: Giornale Online

Invia
Donegal - Irlanda intPer l’anno in corso l’Ufficio del Turismo Irlandese presenta due interessanti proposte: la Wild Atlantic Way e la partenza del 97° Giro d’Italia da Belfast.

 

In auto lungo la costa atlantica
Si comincia a marzo con il lancio della Wild Atlantic Way, uno spettacolare itinerario automobilistico di 2.500 chilometri che corre lungo la costa atlantica dal punto più a sud (Mizen Head) a quello più settentrionale (Malin Head). Qui, nei pressi di Derry-Londonderry, la Wild Atlantic Way incontra la Causeway Coastal Route, che arriva fino a Belfast costeggiando tratti spettacolari come la Giant’s Causeway, Patrimonio Mondiale dell’Umanità.

È la più lunga strada costiera segnalata e strutturata al mondo, in grado di offrire molte e diverse esperienze al viaggiatore, e divisa in segmenti per scoprire, insieme ai 15 principali punti di interesse indicati, anche luoghi poco conosciuti.

 

«Una strada da percorrere senza fretta – consiglia Niamh Kinsella, direttrice del Turismo Irlandese – ammirandone gli spettacolari paesaggi: alte scogliere frastagliate, decine di isole e isolette, spiagge di sabbia incontaminata, estuari e insenature dove si affacciano piccoli porti e vivaci cittadine. Oltre alle bellezze paesaggistiche offre anche l’opportunità di scoprire la storia, la cultura e le tradizioni del Paese come la tessitura a mano del classico tweed irlandese presentata nello studio Donegal a Kilcar; visitare Achill Island, la più grande isola irlandese; noleggiare una bici per percorrere la Bog Road, attraverso una selvaggia e misteriosa torbiera nell’ovest. Senza dimenticare una visita a Limerick, nominata Città della Cultura 2014, la prima in Irlanda, posta all’estuario dello Shannon, abitato da una colonia di delfini e altre specie animali, dove, per l’occasione, sono previsti molti eventi e feste».

 

E poi nel sud la contea di Kerry, da dove si possono raggiungere le isole Skelling, e quella di Cork: qui da Mizen Head si scorge il romantico Faro di Fastnet, su un’alta roccia, l’ultimo lembo di patria visto dagli emigranti in partenza.

 

«Un lungo percorso che offre la possibilità di svolgere molte e svariate attività: trekking a piedi o a cavallo, escursioni in battello o barche a vela e poi surf, birdwatching, e ancora serate dedicate alla musica tradizionale o a corsi di cucina irlandese, senza dimenticare gli accoglienti hotel e B&B. Questo nuovo prodotto ha suscitato un grande interesse tra i t.o., che stanno preparando programmi ad hoc per le prossime vacanze, sia in auto che in pullman per gruppi».

 

Il Giro d’Italia parte da Belfast
Grande entusiasmo e molte aspettative anche per la partenza del 97° Giro d’Italia il 9 maggio 2014 da Belfast: la prima tappa sarà a cronometro attraverso le strade cittadine, la seconda proporrà un percorso ad anello tra le campagne e le caratteristiche cittadine della contea di Antrim con rientro attraverso la scenografica Causeway Costal Route, mentre la terza si snoderà da Armagh verso Dublino, da dove il Giro lascerà l’isola.

 

«Per l’occasione – annuncia la direttrice dell’ente turistico – sono previsti numerosi eventi che cominceranno a Belfast per concludersi tre giorni dopo a Dublino. Una grande opportunità per mostrare al mondo, attraverso le riprese televisive e ai molti ciclisti attesi per l’evento, le particolarità degli affascinanti paesaggi irlandesi e per promuovere vacanze itineranti in bici, grazie ai numerosi percorsi ciclabili: dal Kingfisher Trail di 480 km, il più lungo del Paese, adatto a tutti, al Mourne Mountains Cycle Loop di 70 km, nella contea di Down, per i più esperti».

 

Il 2013 ha visto il grande successo sia di pubblico che economico del Gathering Ireland, l’orgogliosa celebrazione di tutto ciò che è Irlanda, con più di 5mila eventi e oltre 260mila persone che hanno risposto a inviti personali. L’evento ha registrato un incremento del 7,2% dei visitatori stranieri per un totale di 6,9 milioni arrivi.

 

«Ottimi i risultati del lungo raggio, come Australia e Nuova Zelanda, del Nord America, mentre in Europa si è registrata la crescita di Gran Bretagna, Germania, Francia e Spagna. Il mercato italiano dopo il buon risultato del 2012 con un +14%, rispetto al 2011, per circa 252mila visitatori, ha evidenziato un calo di circa il 5%. Ma, grazie alle proposte che stiamo lanciando e ai nuovi voli Ryanair da Bari e Comiso a Dublino – conclude Kinsella – siamo fiduciosi di recuperare e riavvicinarci ai dati del 2012».
www.tourismireland.com

Dorina Landi

Ultimi articoli in DESTINAZIONI