Giornale del 10 Marzo 2014

Il piano di sviluppo 2014-2030 di Cuba

DESTINAZIONI

10-03-2014 NUMERO: Giornale Online

Invia
Aleida Lydis Castellanos Abdala 2012 - Turismo Cuba intCuba si propone al turismo internazionale con un piano di sviluppo dal 2014 al 2030. Destinazione prediletta in particolare dagli italiani, l’isola incanta i suoi visitatori anche con le sue città coloniali le cui caratteristiche spaziano dall’architettura all’atmosfera di libertà, spensieratezza e vitalità: il vero spirito di Cuba e dei cubani.

 

Un fascino che ha ispirato personalità della cultura, dell’arte, della musica, provenienti da ogni parte del mondo. A questi precursori della “scoperta” del bello si è aggiunta l’Unesco elevando vari luoghi di Cuba a Patrimonio culturale dell’umanità.

 

I 500 anni delle prime città cubane
Dall’inizio del 2011 al 2019 le prime sette città cubane fondate da don Diego Velasquez tra il 1511 e il 1519 commemorano il loro mezzo millennio, un evento che genera un grande richiamo turistico.

 

A eccezione di Baracoa e la Ciuda Primada, che hanno celebrato l’anniversario nel 2011, e Bayamo nel 2013, Trinidad, Camaguey, Sancti Spiritus celebreranno insieme nel 2014 mentre Santiago de Cuba e l’Avana compiranno 500 anni nel 2019. Un avvenimento la cui rilevanza storica si avvicina a quella della scoperta dell’America.

 

Le strategie Cuba-Italia
Quali sono le strategie pianificate dall’Ente del Turismo di Cuba per rafforzare il richiamo turistico dall’Italia? Includono eventuale incremento di collegamenti aerei? L’aumento del ricettivo alberghiero? Quale ruolo avrà il ricco settore Mice? Cambieranno le regole di utilizzo della valuta? E il ruolo della FIT Cuba 2014?

I quesiti sono stati posti alla signora Aleida Lydis Castellanos Abdala (nella foto), collaboratore diplomatico incaricato delle questioni del Turismo all’Ambasciata di Cuba a Roma incontrata in occasione della recente Bit a Milano.

 

«Autentica Cuba (www.autenticacuba.com) è un richiamo consolidato che si protrarrà nel tempo – ci ha risposto – Lavoreremo sul rafforzamento dell’immagine della destinazione e della sua sicurezza per incrementare gli arrivi turistici che a oggi si posizionano tra le cinque voci che contribuiscono all’economia di Cuba. In quanto ai collegamenti aerei dall’Italia, questi restano invariati: Blue Panorama, Eos e Cubana de Aviation continueranno ad assicurare voli diretti. E gli altri vettori operativi dall’Italia attraverso i loro hub europei contribuiscono a soddisfare la domanda».

 

«Il ricettivo alberghiero – ha proseguito – è assicurato dall’apertura di nuove strutture a cui si affiancano le “case particolar”, abitazioni private B&B. Il Cuc, il peso cubano convertibile, rimane la valuta utilizzata dai turisti, ma anche in questo campo si stanno studiando nuove soluzioni».

 

L’attività Mice continua a registrare un trend positivo, ma Cuba conta di svilupparla ulteriormente nei prossimi anni.

 

«Quanto a FITCuba, la fiera internazionale del turismo in programma dal 6 al 10 maggio 2014, si tratta di un’occasione particolarmente importante per gli operatori italiani, da sempre presenti in gran numero», ha concluso Aleida Lydis Castellanos Abdala.

Mario Masciullo

Ultimi articoli in DESTINAZIONI