Giornale del 12 Marzo 2014 - sfoglia il giornale

Package Travel Directive, a Bruxelles oggi si vota

ATTUALITA'

12-03-2014 NUMERO: 7

Invia
Parlamento Europeo intIl Parlamento Europeo vota oggi gli emendamenti alla nuova Package Travel Directive, il quadro normativo europeo di riferimento per la vendita di turismo organizzato, rivisto per la prima volta dall’entrata in vigore, nel 1990, quando il web non era neppure all’orizzonte. Il regolamento coinvolge in Europa qualcosa come 140 milioni di consumatori l’anno, acquirenti di turismo variamente organizzato, e la nuova stesura è frutto di oltre sette anni di analisi e di una consultazione pubblica con associazioni di settore e imprese.

 

Ora l’Ectaa, associazione europea dei tour operator e delle agenzie, esprime in una nota la preoccupazione che con i nuovi emendamenti la legge finisca per mancare il suo primo obiettivo, che è un identico livello di protezione al consumatore di turismo, sia che acquisti un classico pacchetto di tour operating o piuttosto sul web servizi di più fornitori variamente abbinati in un unico viaggio o vacanza.

 

Secondo Ectaa la nuova direttiva imporrà responsabilità crescenti e onerose ai tour operator e anche ai piccoli agenti di viaggi, dalle quali sono esentati i fornitori online che potranno vendere servizi combinati come se non lo fossero.

 

Ectaa si augura l’adozione di “un testo più equilibrato, per assicurare la competizione per l’industria europea”. E insiste Boris Zgomba, il presidente di Ectaa: «La Package Travel Directive è un buon testo, e assicura un alto livello di protezione del consumo. Ma se il Parlamento dovesse approvare questi emendamenti i consumatori che scelgono prima di tutto in base al prezzo resteranno privi di protezione quando acquisteranno, ad esempio, una combinazione di servizi sui siti dei vettori low cost. Mentre tour operator e agenti di viaggi tradizionali dovranno sostenere obblighi maggiori, del tutto sproporzionati».
www.ectaa.org


Ultimi articoli in ATTUALITA'