Giornale del 17 Marzo 2014

Città europee: Roma quarta per presenze, ma in crescita

ATTUALITA'

17-03-2014 NUMERO: Giornale Online

Invia
Turisti - Colosseo - Roma intGli arrivi da Usa, Gran Bretagna e Germania nelle città europee nel 2013 hanno mantenuto la loro solida posizione in testa alla graduatoria internazionale, ma Cina e Russia guidano quella per lo slancio di crescita: più 11,4% la prima, più 9,4% la seconda.

 

Il dato conferma quelli già diffusi da fonti innumerevoli e autorevoli, ed è uno dei più rilevanti nel preliminare del rapporto ECM Benchmarking Report, appena diffuso da European Cities Marketing, associazione non profit che attualmente riunisce oltre 110 soci tra enti del turismo e convention bureau (di 100 città europee in 32 Paesi) quali fornisce dati di intelligence e strumenti di marketing, e soprattutto una piattaforma di comunicazione e collaborazione.

 

Più notti: quadruplica la quota internazionale
Su un campione rappresentativo di 64 città europee ECM rileva che i pernottamenti totali sono aumentati del 3,6% rispetto al 2012, ma la quota internazionale è praticamente quadruplicata rispetto a quella domestica.

 

Tendenza positiva anche per i pernottamenti dei visitatori da Gran Bretagna (+8,8%), Francia (+ 5,6%), Germania (+5%), Usa (+2,6%). In calo invece gli arrivi dal Giappone (-4,2%), e anche da Spagna (-3,1%) e Italia (-3,6%), che pure insieme valgono il 10% dei pernottamenti nelle città europee. E ora la Russia, in grande slancio, ha quasi raggiunto nel 2013 la quota di pernottamenti generata della Spagna. Tra le città in crescita nel gradimento internazionale domina Amburgo, che sfiora il 9% di aumento dei pernottamenti.


Roma al quarto posto
In testa alla lista per numero di pernottamenti internazionali resta Londra, in progresso del 5% nel 2013; seguono Parigi (-0,7%) e Berlino che avanza del 7,8%. Al quarto posto c’è Roma, che nel 2013 ha conquistato un 5,2% in più di pernottamenti: ECM non lo riporta, ma il dato si deve in buona parte all’elezione di Papa Francesco.

 

Nella parte bassa della graduatoria si vedono i maggiori progressi (Berlino a parte). Oltre quello di Amburgo si segnala il successo crescente di Vienna e Monaco, bene anche Praga, mentre Madrid perde oltre il 4% dei pernottamenti. Ma ci sono i picchi isolati di Leuven, in Belgio: più 26%; di Zagabria e Split, rispettivamente più 12 e 22%; e il più 17% di Bratislava.


Le città trainano l’Europa
Ha commentato il catalano Ignasi de Delàs, presidente di ECM e dg di Turisme de Barcelona: «Le città continuano a trainare il turismo europeo, e l’internazionalizzazione crescente è la chiave dello sviluppo dell’industria in molti Paesi. Il nostro Benchmarking Report dimostra che il successo si deve al mix di molti mercati di origine degli arrivi. E mentre la domanda interna di molti Paesi è in stagnazione, si vede la crescita rapidissima delle economie Brics. E questo consente alle città europee di compensare cali importanti come quelli di Italia e Spagna».

 

La prossima edizione annuale dell’ECM Marketing Benchmarking Report sarà presentata nella conferenza annuale dell’associazione, dal 4 al 6 giugno 2014 a Dresda, e poi sarà pubblicato su europeancitiesmarketing.com. ECM ha la sua sede a Digione, in Francia.
www.europeancitiesmarketing.com

Marina Firrao

Ultimi articoli in ATTUALITA'