Giornale del 26 Maggio 2014

Decreto Turismo, le associazioni ringraziano

ITALIA

26-05-2014 NUMERO: Giornale Online

Invia
Parlamento intSoddisfazione condivisa da Federturismo, Associazione Italiana Confindustria Alberghi e Federalberghi per il Decreto Turismo approvato il 22 maggio.

 

Federturismo Confindustria
Il presidente di Federturismo Confindustria, Renzo Iorio, sostiene che con l’approvazione da parte del Consiglio dei Ministri del decreto su cultura e turismo «sono state accolte le proposte più volte sollecitate dalla federazione in materia di agevolazioni fiscali per il settore. L’approvazione del decreto, in attesa del disegno di legge delega al settore, è un intervento significativo che prevede misure concrete per il rilancio del turismo a iniziare dai crediti d’imposta: del 30% per la riqualificazione delle strutture alberghiere e per la digitalizzazione delle imprese, così come un “art bonus” del 65%», per i privati che fanno donazioni in favore del patrimonio pubblico artistico e culturale.

 

«Auspichiamo a questo punto – prosegue Iorio – che venga accolto anche il provvedimento sulla liberalizzazione della somministrazione di alimenti e bevande ai non alloggiati».

 

In merito alla trasformazione dell’Enit in ente pubblico economico Federturismo si augura che «si possa realizzare un reale coinvolgimento delle Regioni per la promozione della “destinazione Italia” sui mercati internazionali, per ottimizzare quegli investimenti dispersi in singole attività promozionali e missioni che fino ad oggi non hanno portato a risultati concreti per il turismo del nostro Paese. Tutto questo in attesa del fondamentale passaggio sul Titolo V per ribadire la necessità che la governance del settore torni allo Stato centrale».

 

Associazione Italiana Confindustria Alberghi
Anche i vertici dell’Associazione Italiana Confindustria Alberghi plaudono al provvedimento. «Da tempo aspettavamo un segnale da parte delle istituzioni – ha dichiarato il presidente Giorgio Palmucci – Il governo, nel nuovo Decreto Legge, ha riconosciuto l’importanza del turismo come volano per la ripresa economica del Paese e più in particolare ha tenuto conto di aspetti legati tipicamente al nostro settore. Bene la concessione di un credito di imposta del 30% per la digitalizzazione e la ristrutturazione degli alberghi anche se sarà opportuno capire come questa potrà essere utilizzata dagli albergatori».

 

«Se poi fossero confermate anche le indiscrezioni dei giorni scorsi che vedevano la liberalizzazione della somministrazione di alimenti e bevande ai non alloggiati – che da tempo l’associazione richiedeva a gran voce – il giudizio sul provvedimento sarebbe ancora più positivo. I presupposti per una ripresa ci sono tutti: ora aspettiamo i decreti attuativi e i contenuti della legge delega del settore che il premier Renzi ha annunciato per le prossime settimane».

 

Federalberghi
Commenti positivi anche da Federalberghi. “In attesa di conoscere nei dettagli il testo del provvedimento – si legge nella nota diffusa dalla federazione – esprimiamo apprezzamento per le linee guida del decreto varato dal CdM che coglie alcune delle numerose sollecitazioni sollevate da tempo da Federalberghi. Le indispensabili agevolazioni per accelerare la riqualificazione e la digitalizzazione delle strutture alberghiere del nostro Paese, la ridefinizione dell’organismo che deve promuovere l’immagine turistica dell’Italia nel mondo, nonché una maggiore sinergia con i beni turistico-culturali costituiscono un buon punto di partenza per ricostruire il clima di attenzione necessario per il rilancio di un asset strategico per l’economia e l’occupazione nazionale”.

 

“Ci auguriamo che al Decreto Turismo si affianchino presto altre misure strutturali e di sistema, e che durante l’iter del provvedimento siano reperite maggiori risorse, con l’obiettivo di migliorare ulteriormente l’efficienza del nostro sistema di offerta turistica”.

 

“Mancano pochi mesi all’Expo 2015 – conclude la nota Federalberghi – ed è responsabilità di tutto il Paese cooperare e investire per presentarsi in modo adeguato a questo appuntamento, facendo sì che venga trasmessa all'estero l'immagine di una nazione moderna, efficiente e ospitale, anche al fine di massimizzare il ritorno della comunicazione ai fini della promozione turistica”.
www.federturismo.it - www.alberghiconfindustria.it - www.federalberghi.it


Ultimi articoli in ITALIA