Giornale del 05 Giugno 2014 - Speciale Città Europee - sfoglia il giornale

I vettori aerei vogliono gestire la rivoluzione IT

LINEE AEREE

05-06-2014 NUMERO: 19

Invia
Willie Walsh - British AirwaysLe compagnie aeree vogliono essere protagoniste nella governance della tecnologia applicata al trasporto aereo, e per raggiungtere questo obiettivo hanno deciso di avviare un rinnovamento strutturale di Sita, il principale player nell’IT aereo: la notizia è stata ufficializzata da Willie Walsh (nella foto), ad di Iag, a Doha nel corso della 70ª AGM della Iata.

 

A sostenere la riforma figurano vettori di prima grandezza come British Airways, Iberia, Qatar Airways, Emirates ed Egyptair che alla prossima assemblea annuale di Sita (in programma il 18 giugno a Bruxelles) presenteranno un Libro Bianco con i punti-chiave dell’operazione (che peraltro nessuno ha voluto anticipare a Doha).

 

Il concetto di fondo espresso dal documento congiunto che richiede la ristrutturazione dell’organismo si basa sulla considerazione che Sita è principalmente un’organizzazione non-profit che ha l’obbligo di fornire valore ai vettori-azionisti ed è quindi logico e legittimo che gli azionisti richiedano un ruolo chiave nello sviluppo e nella impostazione strategica di Sita.

 

Molto diplomatica la replica di Francesco Violante, il ceo di Sita al quale i vettori hanno riconosciuto la validità del lavoro compiuto per accrescere il valore dell’organismo: «Questa proposta di riforma – ha dsetto – è un segnale positivo da parte delle compagnie aeree che dimostra ancor di più il valore di Sita come un patrimonio fondamentale per la comunità del trasporto aereo. È importante che i nostri azionisti-compagnie aeree vogliano essere maggiormente coinvolti nella governance e sicuramente questa priorità sarà tra i punti-chiave nell’agenda dei lavori della nostra prossima assemblea».

 

A Miami la 71ª edizione dell’Assemblea Generale della Iata
Sarà Miami a ospitare la 71° Assemblea Generale della Iata dal 7 al 9 giugno 2015: la notizia è stato annunciata al termine dell’AGM di Doha. Sarà la prima volta per Miami, ma la sesta per gli Stati Uniti.

 

A organizzare l’ospitalità saranno American Airlines, FedEx Express, UPS, in collaborazione con il World Air Transport Summit e con Airlines for America (A4A), l’associazione di categoria delle compagnie aeree statunitensi.

 

«L’aviazione commerciale di linea è nata 100 anni fa non lontano da Miami – ha dichiarato Nicholas E. Calio, presidente e ceo di A4A – e oggi l’aviazione supporta circa 5,7 milioni di posti di lavoro negli Stati Uniti e spinge 1.000 miliardi dollari in attività economiche nel nostro Paese. Accogliere i leader delle compagnie aeree a livello mondiale sarà una preziosa opportunità di confronto».
www.iata.org

Andrea Lovelock

Ultimi articoli in LINEE AEREE