Giornale del 30 Settembre 2014

Tunisia Awards, un ‘Oscar’ per rilanciare l’incoming

DESTINAZIONI

30-09-2014 NUMERO: Giornale Online

Invia
Tunisia - primo ministro Mehdi Jomaa 2014Consegnati ad Hammamet i Tunisia Awards, i premi con i quali il governo tunisino, il primo ministro Mehdi Jomaa e il ministro del Turismo Amel Karboul hanno inteso premiare i migliori alberghi, ristoranti, progetti ecologici e attrazioni del Paese, che sta cercando di riconquistarsi una ribalta nel turismo organizzato.

 

Lo stesso dinamico ministro Karboul, una donna dalle idee chiarissime, ha evidenziato nel corso della cerimonia che «il settore è vitale per l’economia tunisina e stiamo lavorando con imprenditori privati e operatori sia tunisini che stranieri per rilanciare l’eccellenza nella nostra ospitalità. Credo – ha aggiunto – che oggi più che mai ci sia bisogno di innovare la nostra offerta, riqualificare i nostri alberghi e migliorare gli standard di ospitalità. Abbiamo iniziato questo percorso e intendiamo sostenere e premiare tutti quegli operatori e imprenditori, soprattutto stranieri, che credono nella Tunisia e vogliono investire nel turismo del nostro Paese».

 

Dati alla mano, dai 7,6 milioni di arrivi internazionali che la Tunisia vantava nel 2010, dopo le vicende legate alla rivoluzione araba e all’inevitabile instabilità di tutta l’area si è scesi agli attuali 4,7 milioni che è la stima di arrivi per quest’anno, comunque in forte recupero rispetto al crollo del 2013.

 

In Italia, che con una media 200mila turisti l’anno rappresentava uno dei primi 10 bacini di traffico estero, occorre compiere un lavoro di recupero anche tra i tour operator, come ammesso dalla stessa direzione dell’ente tunisino per il turismo.

 

Alla serata di gala svoltasi nella Sala Congressi della Medina di Hammamet, dovevano essere presenti due testimonial d’eccezione, le star di Hollywood Angiolina Jolie e Antonio Banderas, protagonisti di alcuni film girati negli Studios di Hammamet della Quinta Communications presieduta da Tarak Ben Ammar, ma la concomitanza del matrimonio di George Clooney a Venezia e gli impegni di lavoro hanno impedito ai due divi di partecipare fisicamente all’evento. Banderas ha comunque inviato un video augurale.

 

Tra i premiati anche Media World Traveler. Alla cerimonia era presente una delegazione italiana, composta da giornalisti e operatori, tra cui Francesco Butturini (Going) e Flavia Franceschini (dg di Astoi). Lo stesso Butturini ha evidenziato la «potenzialità di una destinazione che può sicuramente tornare a fare ottimi numeri, grazie alla brevità del transfer aereo e alla qualità di molti alberghi».

Andrea Lovelock

Ultimi articoli in DESTINAZIONI