Giornale del 07 Ottobre 2014 - Speciale TTG Incontri - parte 1 - sfoglia il giornale

Bit 2015: il lusso, lo sport e 1.500 buyer dall’Italia e dal mondo

MONDO BIT

07-10-2014 NUMERO: 29

Invia
Bit - stand - pubblicoNel nuovo format di Bit 2015 – a fieramilano a Rho da giovedì 12 a sabato 14 febbraio – sono protagonisti i segmenti di business: Leisure, MICE, Luxury e Digital, con aree espositive dedicate in rapida evoluzione in queste settimane, con l’ingresso costante di nuovi espositori.


Nel 2015 per salutare il nuovo corso sono attese oltre 2mila imprese, insieme a oltre 1.500 buyer tra italiani e stranieri – il 50% in più, con programma di lavoro potenziato – e 3000 giornalisti. Numeri che promettono di consolidare e migliorare il risultato di Bit2014, evento di transizione che ha comunque ha ottenuto più di 62 mila presenze, per un totale di 20.400 appuntamenti di business e oltre 70 eventi che hanno coinvolto circa 3.600 operatori, insieme a un foltissimo calendario di momenti formativi. Dunque a Bit2015 l’area Leisure avrà un ampio spazio dedicato ai temi della cultura e dell’enogastronomia italiane; e Luxury World continua a espandersi con l’adesione progressiva di nuovi espositori, tra l’altro da Lombardia e Toscana.

Destination Sport 
Debutta anche Destination Sport, spazio realizzato in collaborazione con Decathlon nell’area Leisure, aperto solo di sabato: servirà ai piccoli operatori del turismo sportivo specializzati nelle più varie discipline, per presentare il loro prodotto a un pubblico crescente di viaggiatori per passione. Si annuncia sempre più numerosa la partecipazione di istituzioni e imprese private, con Consorzi, Convention Bureau, tour operator e singoli hotel e gruppi, enti del turismo di numerosi Paesi: confermata la presenza di Autorità Palestinese, Cina, Cipro, Corea, Croazia, Giappone, India, Israele, Nuova Caledonia, Polonia, Repubblica Dominicana, Thailandia, Tunisia.


Bit 2015 - serviceLuxury, un mondo a parte

Star del turismo insensibile alla recessione, il turismo di lusso offre in questi anni agli operatori, anche italiani, una fonte importante di fatturato, con buone prospettive di sviluppo. La crescita del lusso si deve anzitutto ai mercati emergenti, Cina e Brasile in testa insieme a Russia e India: mercati sui quali l’Italia emerge tra le destinazioni più ambite. A Bit 2015 quindi Luxury World sarà un club dell’eccellenza, un luogo raffinato in cui espositori italiani e stranieri e travel buyer di tutto il mondo potranno incontrarsi e trattare con calma: nella Luxury Buyer Lounge, al Luxury Restaurant, nelle esposizioni personalizzate all-inclusive, con un’agenda di appuntamenti prefissati e di momenti conviviali condivisi da tutti i partecipanti.

Meet&match negli stand
Cresce anche la domanda di spazi espositivi per l’incoming, dove per promuovere l’Italia partecipano grandi player e istituzioni, incluso il Veneto, una delle maggiori regioni turistiche italiane. Bit si conferma così primo marketplace per l’incontro B2B tra domanda e offerta del prodotto Italia, con il successo della nuova formula meet&match, agenda di incontri prefissati negli stand: per svilupparne tutto il potenziale alcune Regioni stanno vaultando l’ipotesi di una doppia presenza, sia nell’area Leisure e MICE che nel settore Luxury. Bit2015 arricchisce anche il programma per i 1.500 hosted buyer in arrivo da oltre 70 Paesi (erano un migliaio a Bit 2014). Per la prima volta ci sono anche 250 buyer italiani, interessati all’offerta di operatori esteri sull’Italia. I dieci Paesi più rappresentati tra i buyer portano in fiera un mix equilibrato di mercati tradizionali ed emergenti: USA, Germania, Russia, Gran Bretagna, India, Brasile, Cina, Francia, Austria e Paesi Bassi. Il Buyer Office di Bit rileva un 60% della domanda dedicato al leisure, un 25% al MICE e il 15% al Luxury.

Bit 2015 - Gianni RiottaIn congresso con Gianni Riotta
Prende forma anche Digital World, l’area espositiva per grandi imprese e start-up della tecnologia e del web, affiancata da un palinsesto di eventi organizzati con Amadeus sui temi caldi del momento, dal mobile alla contaminazione tra on e offline nelle abitudini di consumo di turismo. A Bit2015 si tiene infine il primo Congresso Annuale del Turismo, moderato da Gianni Riotta (nella foto), editorialista de La Stampa, e per il panel internazionale da William Ridgers, specialista di The Economist, e in esclusiva per Bit Chris Fair, presidente di Resonance Consultancy, tratterà delle tendenze del turismo, dalle scelte dei Millennial alle nicchie di punta come lusso, shopping, Gay&Lesbian, per coglierne il potenziale di business. Arriva in Congresso anche il secondo rapporto di Think with Bit, il think-tank di Bit, intitolato Viaggio nel lusso Made in Italy, curato da Emilio Becheri e Ilaria Nuccio di Mercury-Turistica. Tour operator e Network daranno vita al talkshow moderato da Roberto Gentile, notissimo specialista e analista italiano.

Bit low cost entro ottobre
Per finire la buona notizia sui costi, valorizzata dalla imminenza di Expo Milano 2015. Per chi conferma entro il 31 ottobre 2014 la partecipazione a Bit 2015 ci sono pacchetti espositivi da 1.620 a 4.500 euro + Iva, e tariffe al metro quadro molto concorrenziali. Bit infine è sui social tutto l’anno, e da metà ottobre va online il suo portale totalmente rinnovato, con un blog per gli operatori.

 

L’unica vetrina globale in Italia
Per Turismo Malesia BIT è l'appuntamento consumer più importante dell'anno. «Presenteremo il nostro 2015 Year of Festivals – annuncia Ahmad Kamarudin Yusoff, direttore di Tourism Malaysia Italia – e le nuove proposte per ecoturismo, turismo sportivo, golf e viaggi di nozze, diving, benessere e turismo medico. Ma Bit è anche un momento di networking con i nostri partner malesi, e serve a rinforzare la nostra relazione con gli operatori italiani che lavorano con noi tutto l’anno».


In più Bit è un evento globale: «L’unica fiera internazionale del nostro settore in Italia – nota Agatino Falco del t.o. Australian Travel – in una location prestigiosa come Fiera Milano, che ne fa un evento di ampio respiro. Qui c’è anche un pubblico pronto a farsi solleticare dalle nostre proposte sull’Australia, così si fa formazione del cliente, essenziale per una meta che dic erto vale più di un viaggio».


Nota infine Barbara Mauro, dell’Ente del Turismo della Nuova Caledonia, che «Bit è strategica nel dialogo con il trade. Nel 2015 sarà fondamentale per incontrare i nostri clienti storici, che sono agenzie e tour operator. Di certo porteremo  in fiera nuove brochure, e la nuova campagna sui social media».

www.bit.fieramilano.it - Twitter @bitmilano; #Bit2015


Ultimi articoli in MONDO BIT