Giornale del 24 Ottobre 2014

Low cost inarrestabili: un altro anno alla grande

LINEE AEREE

24-10-2014 NUMERO: Giornale Online

Invia
easyJet - Airbus A319 intVolano altissimo le compagnie aeree low cost, che tra giugno 2013 e giugno 2014 hanno trasportato 232 milioni di passeggeri quasi l’8% in più dell’anno prima: la tendenza supera ampiamente il risultato dei vettori full service, che sono anche questi cresciuti, in media, ma a un ritmo poco superiore al 4%.

 

Nel dettaglio i primi tre vettori low cost per numero di passeggeri trasportati consolidano la loro posizione: Ryanair con quasi 83 milioni di passeggeri, seguita da easyJet con 63,4 milioni di passeggeri, e a debita distanza da Norwegian con 21,2 milioni. Seguono Vueling con 19,1 milioni di pax, l’ungherese Wizz Air con 14,5 milioni, la britannica Flybe con 7 milioni di pax e la olandese transavia.com a quota 6,7 milioni.

 

Sempre significativamente alto anche il load-factor (occupazione media) dei vettori low cost che si attesta sull’84,1%, con punte del 90% per easyJet e jet2.com, mentre Ryanair arriva all’82,8%.

 

Altri dati dell’ELFAA riguardano il numero di rotte servite dalle low cost, che hanno raggiunto il ragguardevole numero di 3.884, contro le 3mila di un anno fa, collegate da una flotta che in Europa è composta al momento da un totale di 937 aeromobili.

 

Considerevole il contributo occupazionale, con oltre 32mila addetti. Gli analisti inatanto ritengono che l’apertura al trade di Ryanair, dopo easyJet, potrebbe portare ancora altro traffico molto presto alle grandi compagnie low cost, aggiungendo crescita alla crescita.

Andrea Lovelock

Ultimi articoli in LINEE AEREE