Giornale del 05 Novembre 2014 - sfoglia il giornale

ATA, tutta l’Africa in Uganda

ATTUALITA'

05-11-2014 NUMERO: 33

Invia
Maria Mutagamba - UgandaÈ in Uganda quest’anno il World Congress di ATA-African Travel Association, giunto alla 39ª edizione. L’appuntamento è dall’11 al 16 novembre a Kampala, capitale della cosiddetta “Perla d’Africa”. L’ATA è un’organizzazione governativa fondata nel 1975 da un agente di viaggi di New York, Murray Vidockler, che comprese l’importanza di formare i professionisti del turismo dei Paesi africani. Da allora è diventata la prima associazione turistica del continente, impegnata a promuovere le destinazioni al trade e al consumer negli Stati Uniti e ad aiutare i piccoli operatori africani a diventare aziende internazionali. L’Agenzia di Viaggi è diventata media partner dell’ATA nel 2012, su proposta del socio fondatore Charlie Gatt.


Il ministro del Turismo Maria Mutagamba (nella foto) ed Edward Bergman, giovane direttore esecutivo dell’ATA impegnato per l’Africa su più fronti, accoglieranno a Kampala oltre 350 delegati da 20 Paesi.


Il Congresso mondiale dell’ATA si configura come una piattaforma multiforme con un’agenda che coinvolgerà, sin dal primo giorno, il gruppo eterogeneo di operatori del turismo. Tra i seminari in programma, Culinary Tourism Collaborative con Pierre Thiam e un Tourism & Media Training. In caledario anche la Tavola rotonda dei Ministri del Turismo, moderata da Peter Greenberg, giornalista della Cbs, e il convegno dal titolo “Cosa sta succedendo nel turismo in Africa”, a cura di ATA, African Development Bank, New York University e Africa House. E ancora: l’Uganda Marketplace, un incontro sul turismo di fede, un focus sui Global Tourism Trends. Senza dimenticare ricevimenti, bazar, cene di gala, post tour e pre tour.

 

UgandaDove la savana incontra la giungla

L’Uganda si trova in Africa orientale, a cavallo dell’equatore, a un’altitudine media di 1.100 metri sul livello del mare. La sua superficie è di 236.580 chilometri quadrati. Confina a Nord con il Sudan, a Est con il Kenya, a Ovest con la Repubblica democratica del Congo e a Sud con Tanzania e Ruanda. In questa terra unica e lussureggiante, dove la savana incontra la giungla, si possono osservare di mattina i leoni che si aggirano in pianura e gli scimpanzé nel sottobosco della foresta pluviale nel pomeriggio. E dopo aver navigato canali tropicali popolati di ippopotami e coccodrilli, si possono raggiungere cime nebbiose per incontrare i maestosi gorilla di montagna.

 

Il Paese ha 10 parchi nazionali gestiti dall’Uganda Wildlife Authority (UWA) che offrono safari nella savana, gite in barca, escursioni nella foresta, alpinismo e osservazione della fauna selvatica. Con le sue oltre 1.000 specie di uccelli, di cui alcune introvabili altrove, l’Uganda non ha rivali nel continente in fatto di birdwatching. Tra le attività, è possibile esplorare la selvatica Kidepo Valley; avvistare i leoni arrampicatori “della regina Elisabetta”; fare trekking sui Vulcani Virunga; salire sulla cima innevata dei Rwenzori Mountains; affrontare il Bwindi, la “foresta impenetrabile”; apprendere antiche tradizioni tribali; o magari rilassarsi nei lodge tra panorami e suoni della più ospitale destinazione d’Africa.

Cristina Ambrosini

Ultimi articoli in ATTUALITA'