Giornale del 19 Novembre 2014 - sfoglia il giornale

Embratur sostiene i Giochi Mondiali Indigeni 2015

DESTINAZIONI

19-11-2014 NUMERO: 35

Invia
Dopo i Mondiali di calcio 2014, il Brasile si appresta a ospitare un altro evento sportivo di grande risonanza: i Giochi Mondiali Indigeni, in programma a settembre 2015 a Palmas, nello Stato del Tocantins, con la presenza di oltre 2mila atleti da 30 Paesi. Per incrementare la conoscenza dei giochi, Embratur, l’Ufficio Brasiliano del Turismo, sosterrà questo evento in tutte le sue attività.

 

«Portare i Giochi Mondiali Indigeni in Brasile è l’occasione per mostrare al mondo tutta la sua diversità, valorizzare la ricchezza culturale dei popoli indigeni e promuovere segmenti turistici quali l’ecoturismo e il turismo d’avventura», commenta Vicente Neto, presidente di Embratur.

 

Embratur ha iniziato la promozione dei Giochi Mondiali Indigeni già al WTM di Londra e promuoverà l’evento in altre fiere ed eventi fino al prossimo settembre.

 

Lo Stato di Tocantins è noto soprattutto per la regione di Jalapão, un luogo dove la natura è ancora incontaminata. La regione è chiamata “Jalapão Desert”, ma in realtà si presenta come una grande oasi, ricca di cascate e sorgenti, oltre a un’ampia varietà di flora e fauna tipiche della Savana Brasiliana (Cerrado). Inoltre gli Indios della regione hanno sviluppato l’arte di lavorare l’erba dorata, una specie di paglia brillante tipica del deserto di Jalapão. Questa tecnica è stata tramandata di generazione in generazione e oggi la produzione artigianale di gioielli con l’erba dorada è una fonte di reddito per molte famiglie di artigiani sparsi in tutta la regione.

 

‘Siamo tutti indigeni’
Con il motto “Nel 2015, siamo tutti indigeni” la capitale del Tocantins si prepara ad accogliere atleti appartenenti a decine di gruppi etnici provenienti da tutto il mondo.


Oltre agli indigeni delle Americhe, parteciperanno anche i rappresentanti delle popolazioni indigene di Australia, Giappone, Norvegia, Russia, Cina e Filippine. Per il Brasile parteciperanno alla competizione circa 22 gruppi etnici. Solo nello Stato di Tocantins ci sono sette gruppi etnici con una popolazione di circa 10mila persone. Tiro con l’arco e frecce, lancio del giavellotto, tiro alla fune, corsa (100 m), canoa tradizionale, lotta, calcio, xikunahati (calcio con la testa), nuoto e atletica sono tra gli sport che si giocheranno a Palmas.

 

I Giochi dei Popoli indigeni nacquero in Brasile nel 1996 a Goiania, organizzati dal Comitato Intertribale e Scienza Indigena, con il sostegno del Governo Federale. Da allora si sono tenute 13 edizioni nazionali. Quella del 2015 sarà la prima edizione globale dell’evento. La decisione di organizzare a Palmas i Giochi Mondiali Indigeni è stata presa durante una riunione del Comitato Intertribale presso le Nazioni Unite, che ha approvato la scelta.
www.embratur.gov.br

M.E.

Ultimi articoli in DESTINAZIONI