Giornale del 18 Dicembre 2014 - Speciale Auguri n. 2 - sfoglia il giornale

La Cina promuove Chongqing sul mercato italiano

DESTINAZIONI

18-12-2014 NUMERO: 39

Invia
Chongqing - presentazione a Roma 2014Marco Polo, storia millenaria e Via della Seta. Sono state queste le parole più ricorrenti durante la conferenza stampa romana per la promozione di Chongqing (città della Cina centro-occidentale), per sottolineare l’alto livello di amicizia e collaborazione – economica, turistica e culturale – che suggella i rapporti tra Cina e Italia. E che verrà ulteriormente rafforzato grazie ai recenti accordi tra i due premier Li Keqiang e Matteo Renzi, i quali, nello scambio reciproco di visite, hanno stilato il nuovo piano d’azione triennale sul rafforzamento della cooperazione economica. L’anno prossimo sarà il 45° anniversario dei rapporti diplomatici dei due Paesi e la Cina parteciperà all’Expo di Milano come uno dei più grandi investitori ed espositori.

 

D’altronde, come ha sottolineato Liu Cheng, direttore generale dell’Ufficio nazionale del Turismo Cinese a Roma, «i rapporti diplomatici tra i due Paesi, entrambi con storie plurimillenarie, sono cominciati addirittura nel 166 d.C. in pieno Impero romano. E le ottime relazioni tra i due popoli si esprimono ancora in termini di visite turistiche. Lo scorso anno si sono registrati 251mila arrivi di italiani in Cina e 478mila cinesi in Italia, con una crescita del 10% rispetto al 2012, e addirittura raddoppiata sul 2009».

 

In particolare Chongqing – una delle quattro municipalità autonome, da anni sede di Fiat e Iveco e, dal 2013, del Consolato generale italiano – vede ogni anno uno scambio con l’Italia di circa 40mila viaggiatori. Che dovrebbe ulteriormente incrementarsi con l’attivazione di voli diretti con Milano, ora allo studio, e che probabilmente si concretizzeranno durante l’Expo.

 

Tan Jialing (nella foto), la vice sindaco di Chongqing, ha evidenziato l’appeal paesaggistico, culturale, tradizionale – e quindi turistico – della città che amministra. Tanti i vanti del territorio, alcuni molto noti, altri meno, ma sempre di grande suggestione: le Tre Gole, unico canyon che si può visitare grazie a 31 crociere di lusso, e le sculture pietrose di Dazu (entrambi patrimonio culturale Unesco), i tre ponti innati di Wulong (patrimonio naturale Unesco), il monte del Budda d’oro di Nanchuan, i resti della città della pesca a Hechuan e Bai He Liang a Fuling, l’unico museo sott’acqua al mondo. «E non si deve dimenticare che la città possiede vaste risorse geotermiche – ha sottolineato ancora la vice sindaco – e che viene apprezzata come la principale capitale mondiale delle terme».

 

Va anche ricordato che il Consiglio di Stato ha compreso anche questa municipalità nella politica di transito di 72 ore senza visto (e quindi con costi minori) per 51 Paesi tra i quali l’Italia. Transito che viene conteggiato a partire dalle ore 00,00 del secondo giorno di arrivo e che si traduce, in pratica, in quattro giorni di soggiorno free.

 

In altre parole, la destinazione è pronta per essere lanciata e promossa in Europa e in Italia. Anche a fronte degli incentivi economici stanziati dal governo municipale di Chongqing agli operatori turistici come premio per l’incremento di visitatori: si va dai 60 yuan per turista a premi più importanti per chi organizza charter.
www.turismocinese.it

Maria Paola Quaglia

Ultimi articoli in DESTINAZIONI