Giornale del 21 Gennaio 2015 - sfoglia il giornale

Testa a testa Airbus-Boeing: il duello continua

LINEE AEREE

21-01-2015 NUMERO: 1

Invia
Ray Conner 2014 - BoeingIl duello continua. Senza esclusione di colpi, e soprattutto senza un vero vincitore. Il nuovo capitolo della sfida a due tra Airbus e Boeing ha visto prevalere ancora una volta l’azienda d’oltreoceano, che nell’anno appena trascorso ha consegnato 723 aeromobili contro i 629 di Airbus, mantenendo la sua posizione di prima della classe per il terzo anno consecutivo.

 

A fare la parte del leone nel portfolio di Boeing sono soprattutto gli aerei di grandi dimensioni, «che rafforzano ulteriormente la nostra posizione come leader dell’industria degli aerei widebody», per usare le parole di Ray Conner, presidente e ceo di Boeing Commercial Airplanes. Per fare un esempio, in questo segmento ci sono modelli come i B787 Dreamliner, i B777 o i B767, chiamati a fronteggiarsi con i loro “cugini” A330, A350 e A380. Per tutti, la parola d’ordine è efficienza: a cominciare dai consumi e dai costi di esercizio, come dimostra l’ultimo nato in casa Airbus, l’A350XWB consegnato a Qatar Airways lo scorso dicembre a Tolosa.


Fabrice Bergier 2014 - Airbus«Grazie ai suoi motori di ultima generazione – Trent  XWB di Rolls-Royce – molto silenziosi e capaci di risparmiare fino al 25% di carburante rispetto ai concorrenti Boeing 777 e 787, ai suoi materiali ultraleggeri in fibra di carbonio e al design studiato per  ridurre al minimo i costi di manutenzione, il nuovo A350 traccia dei nuovi standard in termini di comfort, efficienza e sostenibilità ambientale», ha detto in occasione della presentazione del velivolo l’amministratore delegato di Airbus Fabrice Bergier.


E non è tutto perché proprio con l’entrata in servizio del primo esemplare (il secondo A350 sarà consegnato a Vietnam Airlines la prossima estate, a seguire arriveranno quelli per Asiana, ancora Qatar Airways ed Etihad), il duello Airbus-Boeing sul segmento dei grandi aeromobili inizia un nuovo capitolo.
«Si tratta di un mercato la cui domanda arriverà a circa 7.800 apparecchi nei  prossimi venti anni per una cifra approssimativa di mille miliardi di dollari. Vale a dire circa il 35% in volume e il 55% in valore di  tutte le consegne a livello mondiale», prosegue l’ad.


Per il momento, però, e nonostante la concorrenza dei due modelli di Boeing B777 e B787 Dreamliner, l’A350 si sta già ritagliando il suo spazio, con 778 ordinativi già in essere a fine novembre 2014, provenienti da 42 diversi clienti. Ad essi, poi, si devono aggiungere altri 165 ordinativi per altrettanti A380 e 313 per gli A330.


Risultato: oramai Airbus è arrivata a detenere una quota di mercato superiore al 50% nel segmento degli aeromobili da 100 e più posti. Se a giudicare dal numero di aeromobili consegnati negli scorsi dodici mesi Boeing ha la meglio, il discorso cambia quando si passa agli ordinativi, ovvero i nuovi contratti di vendita (il dato più importante per i costruttori di aerei).


Così, il 2014 è stato per Airbus il secondo anno più importante nella storia dell’azienda, arrivando a totalizzare addirittura 1.456 nuovi ordini – 1.321 aeromobili a corridoio singolo e 135 widebody – contro i 1.432 dell’azienda americana. Insomma, la guerra delle cifre continua.


Nelle foto, dall’alto: Ray Conner e Fabrice Bergier.
www.airbus.com - www.boeingitaly.it

Giorgio Maggi

Ultimi articoli in LINEE AEREE