Giornale del 24 Febbraio 2015

Il Giappone punta sull’Italia, quarto mercato europeo

DESTINAZIONI

24-02-2015 NUMERO: Giornale Online

Invia
Giappone-2015«Il buon risultato del 2013 quando, per la prima volta dal 1950, i turisti stranieri in Giappone hanno superato i 10 milioni di presenze, è stato confermato nel 2014 con oltre 13,4 milioni di visitatori», ha dichiarato a Milano Kyoko Koga, Console Generale del Giappone, accogliendo gli ospiti durante l’incontro nella residenza del Console. «Il nostro obiettivo è di raggiungere quota 20 milioni entro il 2020».

 

Dopo aver sottolineato l’importanza dell’incontro «per promuovere insieme alla conoscenza reciproca, le caratteristiche del Giappone: cultura, bellezza naturale del territorio, l’antica arte e le tradizioni», il Console Koga ha sottolineato l’importanza del mercato italiano «che ricopre il quarto posto tra i mercati europei, dopo Inghilterra Francia e Germania, e che a ottobre 2014 aveva raggiunto le 67.420 presenze, in linea – con qualcosa in più – con l’anno precedente. Un turismo in crescita, che vuole conoscere le tradizioni del Giappone e che conta molti viaggi di nozze».

 

«La partecipazione alla Bit, e questa è l’ottava volta, del JNTO-Ente Nazionale del Turismo Giapponese – ha spiegato Chihiro Doi, direttore della sede di Parigi dell’ente – rientra nelle attività promozionali promosse dal JNTO in Italia. Si affianca ai roadshow riservati a t.o. e agenti di viaggi che si svolgono durante l’anno, nel 2014 a Bologna e Trieste, e che continueranno anche nel 2015 in altre città, per spiegare le peculiarità della destinazione. Senza dimenticare le campagne pubblicitarie a Roma e Milano, il sito e la newsletter. Per l’anno in corso è previsto un potenziamento della presenza sul mercato italiano con l’apertura di una pagina su facebook».

 

Un mix tra modernità e tradizione
Punti di forza dell’offerta turistica giapponese sono la modernità e la tradizione, spesso unite tra loro come nella capitale Tokyo, dove sullo sfondo dei grandi grattacieli gli sposi in viaggio di nozze si fanno fotografare con gli abiti tradizionali. E poi gli affascinanti giardini tipici, ognuno con caratteristiche diverse, le molte feste popolari con danze, dimostrazioni di Sumo, i giardini zen con la loro raffinata semplicità, l’arte, sottolineata dalle molte mostre e in particolare dalla Triennale che si terrà nel 2016 a Setouchi, nel sud del Paese.

 

E ancora la tradizionale e attenta ospitalità giapponese, con il samurai che, in alcuni hotel, accoglie gli ospiti. Senza dimenticare i panorami naturali come gli spettacolari campi di lavanda di Hokkaido, i paesaggi di Honshu e la bellezza delle isole Shikoku, collegate tra loro da ponti, in un ambiente naturale mozzafiato, e i paesaggi vulcanici di Kyushu

 

Le destinazioni più richieste sono Tokyo, la capitale che si rinnova continuamente, il Monte Fuji e la storica Kyoto, l’antica capitale, ricca di splendidi templi e residenze imperiali, e poi a sud le isole di Okinawa con il celebre tempio sul lago, e le antiche abitazioni dal tetto di paglia di Shirakawa-go, patrimonio mondiale Unesco 1995, e Hiroshima. Imperdibile, inoltre, un soggiorno in un ryokan, un tipico albergo giapponese, per conoscere la vera essenza dell’ospitalità tradizionale nipponica, con cucina tradizionale e, spesso, dotato di Onsen, le vasche termali comuni.

 

In occasione di Expo 2015, il Giappone presenterà Peace Kitchen, un progetto di collaborazione nato a Milano tra cuochi giapponesi e colleghi milanesi, allo scopo di condividere l’universalità e il potenziale nascosto della cultura culinaria giapponese, insieme a quella milanese, per soddisfare i visitatori provenienti da tutto il mondo, favorire – tramite un’esperienza culinaria condivisa – la socializzazione e portare un messaggio di pace.

 

Nella foto: Chihiro Doi e il Console Kyoko Koga.
www.tourisme-japon.fr

Dorina Landi

Ultimi articoli in DESTINAZIONI