Giornale del 24 Marzo 2015

La Via Francigena prosegue verso il Sud

ITALIA

24-03-2015 NUMERO: Giornale Online

Invia
Via FrancigenaL’Assemblea generale dell’Associazione Europea delle Vie Francigene (AEVF) ha approvato nella Capitale la nuova mappa per la via dei pellegrini. All’Assemblea fa partecipato anche il presidente della Commissione Cultura del Parlamento Europeo, Silvia Costa.

 

Proprio quando Papa Francesco annuncia per il Giubileo straordinario dedicato alla Misericordia, viene finalmente precisato il percorso della Via Francigena, il fascio di strade che sin dall’Alto Medioevo collega il Nord Europa a Roma e dall’interno del territorio di Roma Capitale, il cui tracciato sarà aperto per il Giubileo, prosegue fino in Puglia verso Gerusalemme.

 

AEVF, in veste di “rete portante” della Via Francigena per incarico ufficiale del Consiglio d’Europa, si è adoperata in questa direzione e, attraverso l’istituzione del coordinamento delle Regioni del Mezzogiorno, con il supporto di Società Geografica Italiana, è giunta alla formulazione del Dossier di candidatura e quindi alla votazione finale. Un passo indispensabile del cammino di riconoscimento che ora conduce a Lussemburgo, all’Istituto Europeo degli Itinerari Culturali e al Consiglio di Direzione dell’Accordo Parziale Allargato sugli Itinerari culturali del Consiglio d’Europa.

 

«Sono davvero felice per questa occasione straordinaria che si apre per la Puglia e per il Mezzogiorno d’Italia – ha commentato l’assessore al Mediterraneo, Cultura e Turismo, Silvia Godelli – La Via Francigena che giunge fino all’estremo meridione d’Europa, con lo sguardo spinto al di là del mare, verso la Terra Santa, non sarà solo un’emozionante rievocazione storica, ma anche una meravigliosa occasione di scoperta dei territori, di coinvolgimento delle comunità, di dialogo interculturale e interreligioso. La Puglia come meta turistica, ma anche come crocevia delle culture e dei popoli, così come è accaduto nei secoli passati e come accadrà ancora, realizzerà anche in questo caso una magica coniugazione tra tradizione storica e modernità».

 

«Il via libera alla Via Francigena nel Sud – ha sottolineato il presidente di AEVF, Massimo Tedeschi – costituirà il presupposto di un progetto integrato di cultura e turismo in grado di rispondere alla tendenza corrente orientata all’incontro, alla conoscenza, all’esperienza».

 

«Un percorso di importanza straordinaria – secondo Simone Bozzato, segretario generale di Società Geografica – che si presenta come occasione per contribuire al rilancio del turismo nel Mezzogiorno del Paese, che ancora fatica ad attrarre i turisti stranieri che visitano l’Italia, riuscendo a conquistarne soltanto il 13,2%. Al momento giusto, alla vigilia della nuova programmazione comunitaria 2014-20».

 

Dopo l’approvazione da parte dell’Assemblea generale AEVF, il Dossier di candidatura sarà vagliato a Lussemburgo nella riunione del Consiglio di Direzione dell’Accordo Parziale del prossimo 28 aprile.
www.viefrancigene.org/it/


Ultimi articoli in ITALIA