Giornale del 26 Marzo 2015 - Speciale Viaggi di Nozze - sfoglia il giornale

Tra gli sposi è caccia al preventivo giusto

Speciale Viaggi di nozze

26-03-2015 NUMERO: 8

Invia
Allegati all'articolo:
Viaggi di nozzeAl di là della crisi economica, i viaggi di nozze continuano a occupare una grossa fetta del mercato turistico. Lo rilevano le statistiche e lo sottolineano gli agenti di viaggi. In Italia la luna di miele, tanto irrinunciabile quanto sognata, comporta una spesa media tra i 6mila e gli 8mila euro a coppia, occupando stabilmente la seconda voce di spesa legata alle nozze, dietro solo alla cerimonia e all’abito da sposa.

Alla ricerca dell’adv giusta
Tra le tendenze si evidenziano l’abbinamento tour storico-culturale e soggiorno relax, liste di nozze in agenzia con il supporto dei social e dei servizi online e la ricerca estenuante del miglior preventivo studiando diverse soluzioni e interrogando più di una agenzia. Il dato che conforta il trade è l’enorme importanza che gli sposi danno al viaggio di nozze, privilegiando l’agente che offre competenza e sicurezza, presentando un ampio ventaglio di opzioni per tutte le esigenze e cominciando, già in agenzia, a creare quell’atmosfera che renderà la luna di miele un’esperienza unica.


Le mete più richieste, con sostanziali differenze regionali, sono Stati Uniti, Australia, Estremo Oriente, Caraibi e Oceano Indiano, ma la molteplicità di pacchetti e promozioni hanno ampliato sia l’offerta multidestinazione che le esperienze personalizzate. Se le crociere riscuotono un enorme successo al Sud, il Giappone attira sempre più turisti nel centro-nord Italia

Giro d’affari da cinque miliardi
Anche se negli ultimi anni il numero dei matrimoni è sceso sotto quota 200mila l’anno con una flessione del 5% (dati Istat del 2014), questo dato non influisce sul giro d’affari che muove il settore honeymoon, che si aggira intorno ai 5 miliardi di euro in Italia.


La luna di miele resta il viaggio per eccellenza per otto coppie su dieci che non vogliono rinunciare al viaggio “unico”, che presti attenzione alle tendenze, ai loro gusti ed esigenze. Gli italiani, che scelgono sempre più il matrimonio civile (il 43%, sempre secondo l’Istat), preferiscono le mete a lungo e medio raggio concedendosi una vacanza romantica che deve durare almeno due settimane. Il mercato del lavoro flessibile, la recente crisi economica e i meccanismi delle offerte promozionali hanno mutato tempi e modalità della scelta, così il 70% dei futuri sposi, secondo una ricerca della Consob, concentra la ricerca nei quattro mesi precedenti alle nozze e opta, in alcuni casi, per uno spostamento del periodo della luna di miele di qualche settimana o mese. In ogni caso, circa il 60% effettua una vacanza con permanenza oltre i 12 giorni e i periodi che vedono un numero maggiore di prenotazioni “romantiche” vanno da giugno a ottobre.

Il lungo raggio domina il mercato
«I viaggi di nozze sono una grande risorsa per la nostra agenzia», sostiene Angelo Carrapa, direttore tecnico di Mazzini Viaggi a Lecce. «Fortunatamente è un mercato stabile e le liste nozze in agenzia sono uno strumento utile che favorisce sia gli operatori che la scelta dei futuri sposi. Quest’anno – informa – le crociere sono richiestissime, il Mediterraneo d’estate e i Caraibi durante l’autunno-inverno».


La clientela di Mazzini Viaggi, che fa parte di Geo Travel Network, preferisce le mete classiche come Stati Uniti e Australia, ma sono molto forti le destinazioni mare: Seychelles, Mauritius e soprattutto Caraibi. Molto richiesto anche l’Estremo oriente, con una netta preferenza per i tour della Cina, della Thailandia e di Bali.


«Partecipiamo alla Bmt di Napoli e al Ttg di Rimini, ma consolidiamo il nostro mercato attraverso la fidelizzazione del cliente e il passaparola. Negli ultimi mesi – sottolinea il direttore tecnico – abbiamo riscontrato un calo sostanzioso del Medio Oriente, dovuto in qualche modo alla percezione di instabilità geopolitica».

 

Una scelta ponderata
Cambiano i gusti dei consumatori, ma soprattutto cambiano i budget. Parte da questa considerazione la testimonianza di Carlotta Sassatelli Salvadori, dell’agenzia Viaggi Salvadori di Bologna: «Gli sposi sono molto più agguerriti rispetto a un tempo. Non si rivolgono più a una sola adv e preferiscono valutare più proposte». Se fino a qualche anno fa l’indecisione era un fattore legato quasi esclusivamente alla meta, adesso la coppia di sposi si comporta con il  viaggio di nozze e con l’agenzia allo stesso modo di come pondera la scelta per il ristorante e le bomboniere.


Viaggi Salvadori lavora soprattutto con Hotelplan, Viaggidea e Quality Group, a seconda del target e del periodo di vacanza, che in genere è compreso tra due e tre settimane.Tra le top destination del 2015, tutte di lungo raggio, ci sono i parchi degli Stati Uniti, la Namibia e le isole dell’Oceano Pacifico. Crescono anche le richieste per il Canada, con tour classici e crociere internazionali.


Pur consapevole dell’importanza della partecipazione a fiere ed eventi dedicati agli sposi, l’agenzia felsinea ha scelto di promuovere i suoi prodotti anche attraverso omaggi dedicati sia agli sposi che ai partecipanti alle liste nozze, da buoni sconti a gadget specifici, come valigie e set da viaggio.


Tra tailor made e comarketing
Dinamicità, elasticità e servizi aggiuntivi sono i fattori-chiave del prodotto honeymoon, secondo Tiziana Parodi, travel manager di Fieschi Travel a Genova. «Partecipiamo a molte fiere di settore perché sappiamo che gli sposi fanno questo viaggio con il cuore, ma anche con una attenzione più mirata al portafoglio. Se le richieste di luna di miele salgono come numero complessivo, abbiamo notato che c’è una lieve contrazione del budget e della durata», afferma.


Fieschi Travel ha deciso di puntare su operatori che hanno una forte impronta interattiva e dinamica, a partire da Eden Viaggi con la linea Made oppure Naar, Go Asia e Alidays.


«Sono convinta che il comarketing possa regalare ampie prospettive di sviluppo e se fatto bene permette sinergie interessanti – dichiara Parodi – Abbiamo puntato molto su questo approccio e collaboriamo attivamente con wedding planner, negozi di gioielli e perfino con associazioni che organizzano corsi di snorkeling e subacquea. Ci piace diversificare».


La tipologia di viaggio più gettonata nell’agenzia genovese è il fly & drive sia negli Stati Uniti, ma anche in Nuova Zelanda, ideale per coppie dinamiche che amano l’avventura. Intanto il Giappone si afferma tra le top destination, grazie anche all’abbinamento mare sulla costa giapponese o in Thailandia. Le Seychelles si confermano una meta attrattiva per le coppie che cercano il relax, con l’opzione di fare jumping tra le varie isole.

Preventivi a confronto
«Noi lavoriamo tantissimo con il passaparola e la fidelizzazione. Avere dei collaboratori e dei clienti che parlano bene di te e ti consigliano è strategico per il posizionamento dei nostri prodotti». Anche per Cinzia De Salvo, titolare di North Wind Travel a Perugia, il settore honeymoon è uno dei pilastri del lavoro in agenzia. «È vero – afferma – i budget si sono abbassati, ma la coppia di sposi preferisce accorciare i giorni piuttosto che scegliere una meta di corto raggio».


«Gli Stati Uniti in abbinamento con i Caraibi sono tra le nostre destinazioni più richieste perché riescono a soddisfare qualsiasi livello di budget – prosegue De Salvo – Il Sudafrica è un’altra meta richiestissima perché permette una combinazione di esperienze diversificate, dal mare ai safari ai tour storico-culturali».
L’agenzia perugina, che fa parte di Welcome Travel Group ed è fedele a Viaggidea, partecipa con frequenza alle fiere di settore e promuove eventi e workshop dedicati agli sposi.


Cinzia De Salvo rimarca quello che sembra essere un imperativo fondamentale per i clienti: il rapporto qualità-prezzo. «Prima la tendenza a non badare a spese era diffusa, adesso la ricerca del viaggio dei sogni parte anche da una analisi dei preventivi», dichiara.

Con la lista nozze si fa pubblicità
La lista nozze in agenzia si conferma un modello di successo per Massimo Bisesti, addetto vendite di Aladino Viaggi, agenzia di Napoli. «Il 90% dei viaggi di nozze che organizziamo – afferma – sono ancorati alla lista che i futuri sposi aprono qui in agenzia, spesso legata a promozioni attivate durante le fiere sposi oppure agevolazioni promosse insieme con i tour operator».


Il versante più ambito è l’Oriente, in particolare il Giappone e la Malesia, ma anche l’Australia. Bene anche le crociere, un mercato rimasto stabile che non soffre particolarmente la crisi. «L’estrema fluttuazione dei prezzi – racconta Bisesti – è il problema che avvertiamo con più urgenza, perché non ci permette di trasmettere un’identità precisa dei nostri prodotti a una clientela sempre molto attenta».


Aladino Viaggi, che nel Napoletano conta tre punti vendita e lavora con i network Robintour e Via Con Noi, ha stimato che su 100 richieste di preventivo per il viaggio di nozze solo 35 vengono confermate. «Il fenomeno di confrontare più offerte e promozioni è ormai una caratteristica innata del consumatore, per questo motivo è fondamentale lavorare in sinergia con gli altri attori della filiera e pianificare tutti i dettagli, dichiara.


Comarketing, gadget e passaparola sono strumenti fondamentali, ma la lista nozze resta per Aladino Viaggi la forma più utile sia per semplificare la scelta, sia per promuovere i prodotti presso amici e parenti degli honeymooner investendo sulla clientela futura.

Il Madagascar è la rivelazione del 2015

«Caraibi e Nord Europa sono le destinazioni più richieste dagli sposi che scelgono viaggi via mare – racconta Federica Massacesi di Viaggi Marche di Macerata – e i clienti si stanno muovendo in anticipo prenotando già per il 2016, nella speranza di trovare tariffe agevolate».


Viaggi Marche lavora principalmente con GoAsia, Hotelplan, Best Tours e Girovagando. «Stiamo vendendo molte crociere e molti viaggi in Oriente, mentre negli ultimi anni il 60% dei nostri clienti sceglieva il classico Tour dei Parchi Usa in abbinamento con i Caraibi. Quest’ultima scelta è in calo a favore di destinazioni come Indonesia, India e Bali. Il Madagascar è invece la rivelazione del 2015: stiamo registrando molto interesse da parte delle giovani coppie», spiega Massacesi. Secondo Viaggi Marche, il budget medio è calato del 20-30%, nonostante la luna di miele sia percepita ancora come il “viaggio della vita” su cui investire molto. Il 70% dei viaggi, nell’agenzia marchigiana, ha una durata di due settimane.

Gabriele Simmini

Ultimi articoli in Speciale Viaggi di nozze


Un sì e due lune di miele

16 Ottobre 2014

Romantica è la crociera

16 Ottobre 2014

Hotelplan

03 Aprile 2014