Giornale del 28 Aprile 2015

L’Aica sul ‘caso Booking’: una questione ancora aperta

OSPITALITA'

28-04-2015 NUMERO: Giornale Online

Invia
Giorgio Palmucci 2014 - Confindustria AlberghiLa chiusura del procedimento, con l’accettazione degli impegni proposti da booking.com, presenta alcuni seri elementi di criticità. Lo rileva l’Associazione Italiana Confindustria Alberghi che in una nota sottolinea che “a fronte di una scelta ampiamente condivisibile, come quella di un coordinamento con le autorità di Francia e Germania, resta una preoccupazione di fondo sull’effettiva possibilità che gli impegni assunti possano riaprire un mercato che al momento risulta condizionato da due soli attori che come tali possono imporre le loro regole al sistema dell’offerta”.

 

«È importante che su questa partita l’Europa costruisca un percorso comune – afferma Giorgio Palmucci (nella foto), presidente dell’associazione – ma come operatori che credono fortemente nel mercato, non possiamo non essere preoccupati della concentrazione che si è venuta a creare su un unico attore le cui politiche, nel bene e nel male, possono condizionare uno dei settori più importanti dell’economia turistica del Paese».

 

«Gli impegni sulla base dei quali si è chiuso il procedimento lasciano diversi aspetti irrisolti, tra gli altri quello legato alla possibilità per l’operatore di gestire liberamente le tariffe sul proprio sito. Da parte nostra – conclude Palmucci – continueremo a monitorare la situazione, nella consapevolezza che dalle regole del mercato deriva la possibilità per il settore di crescere e competere a livello internazionale».
www.alberghiconfindustria.it


Ultimi articoli in OSPITALITA'