Giornale del 15 Luglio 2015 - sfoglia il giornale

Phone & Go chiede il concordato preventivo

OPERATORI

15-07-2015 NUMERO: 24

Invia
Dopo i 20 esodi incentivati di fine 2014 che hanno ridotto il numero di dipendenti da 50 a 30, Phone & Go – secondo quanto riportato dal sito online del quotidiano Il Tirreno – avrebbe presentato richiesta di concordato preventivo. Un modo per non fallire, con l’azienda che ora deve presentare il suo piano di ristrutturazione al commissario giudiziale nominato dal Tribunale di Pistoia.

 

Da mesi sono note le difficoltà dell’unico tour operator charterista rimasto in Toscana anche se il titolare, l’egiziano Fouad Hassoun, ha ribadito più volte la volontà di non lasciare Pistoia.

 

In seguito alla richiesta di concordato presentata il 29 giugno – riprende il portale – la sezione fallimentare del Tribunale ordinario di Pistoia ha emesso un decreto in cui dispone che, considerato come risulti “complessa l’ipotesi di ristrutturazione prospettata, è opportuna la nomina, anche nella presente fase, del commissario giudiziale” (individuato nella figura di Giorgio Federighi). L’azienda ha tempo 60 giorni dalla data di pubblicazione del ricorso.

 

Nel frattempo, rassicurano da Phone & Go, l’attività prosegue, e i dipendenti sono tutti regolarmente al lavoro.


Ultimi articoli in OPERATORI