Giornale del 30 Luglio 2015

Turisti cinesi iperconnessi: gli hotel italiani superano l’esame

ATTUALITA'

30-07-2015 NUMERO: Giornale Online

Invia
Turisti cinesiGiovanissimi e iperconnessi: sono i nuovi viaggiatori cinesi, secondo il profilo tracciato da hotels.com in collaborazione con oltre 1.500 albergatori europei. In Italia, in particolare, più del 40% degli hotel hanno riscontrato un aumento di circa il 10% degli ospiti del gigante asiatico, e quasi tutti gli intervistati si aspettano una crescita massiccia nei prossimi tre anni.

 

Si tratta di viaggiatori sempre più giovani e soprattutto indipendenti, poiché il 73% ha prenotato online. I cinesi che hanno soggiornato nelle strutture prese in esame hanno un’età compresa tra i 26 e i 45 anni, si muovono per piacere e preferiscono evitare i viaggi organizzati, a favore di quelli indipendenti. La durata del soggiorno è solitamente breve: di 2-3 giorni nella maggior parte dei casi (59%), ma anche di un solo giorno (34%).

 

Cosa cercano gli ospiti orientali?
Più di un terzo degli ospiti cinesi (36%) preferisce viaggiare con il proprio partner, ma sono numerosi anche quelli accompagnati da un altro membro della famiglia (20%) o da amici (19%).

 

Molto accentuata la domanda di tecnologia: il 77% dei viaggiatori cinesi, infatti, richiede il wifi gratuito in albergo e il bollitore (46%), ma risultano importanti anche i programmi TV in lingua cinese (richiesti dal 17%), le guide turistiche tradotte (14%), le pantofole (13%), il sito web in cinese (12%), le facilities per China Uninon Pay (11%) e il tè cinese (11%).

 

Free wifi, bollitore e pantofole in camera
Sembra che gli albergatori italiani siano preparati a rispondere alle esigenze dei loro ospiti orientali. Le facilities offerte più di frequente sono proprio il free wifi (87%), la disponibilità del bollitore (59%) e le pantofole in camera (44%). Tra le opzioni più insolite, la possibilità di scegliere uno specifico numero di stanza o di piano, prevista dal 27% degli albergatori.

 

Molte strutture hanno sviluppato programmi e servizi dedicati ai viaggiatori cinesi, come l’avvio di operazioni di marketing ad hoc (23%), programmi di sensibilizzazione culturale per lo staff (16%), la proposta di tour per shopping di lusso (14%) e l’espansione dei canali social per raggiungere anche gli utenti cinesi, ad esempio tramite la piattaforma Weibo (13%).
www.hotels.com


Ultimi articoli in ATTUALITA'