Giornale del 31 Luglio 2015

Malta al WTE con il suo tris Unesco

UNESCO

31-07-2015 NUMERO: Giornale Online

Invia
Ipogeo - Unesco - MaltaSono tre i siti Unesco dell’arcipelago maltese, e saranno tutti in mostra al WTE di Padova. «Durante la fiera promuoveremo i nostri Patrimoni dell’Umanità: La Valletta, i Templi Megalitici e l’Hal Saflieni Hypogeum», anticipa Dominic Micallef, responsabile del segmento History & Culture di Visit Malta.

Sulle isole anche sette templi megalitici


Se la capitale La Valletta, costruita dai Cavalieri dell’Ordine, non ha bisogno di presentazioni, pochi forse invece sanno che esistono sette templi megalitici sulle isole di Malta e Gozo, costruiti tra il 4000 e il 2000 avanti Cristo. I Templi di Ggantija, in particolare, sono i più antichi monumenti autoportanti del mondo e testimoniano che le isole erano abitate da almeno 1.000 anni prima della costruzione delle famose piramidi egiziane di Giza.

 

«L’Hal Saflieni Hypogeum – prosegue Micallef – è un complesso sotterraneo scavato nella roccia che veniva usato sia come santuario che per le sepolture dai costruttori del tempio, e risale al 3000 a.C.».

 

Il turismo culturale vale il 13%
«Per noi il turismo culturale copre circa il 13% degli arrivi – in tutto 1,7 milioni nel 2014 – addirittura il 40% se al turismo culturale vero e proprio si aggiunge la componente leisure – continua il responsabile – Nel 2018, poi, La Valletta sarà la Capitale Europea della Cultura, così che abbiamo cominciato a promuovere Malta anche come meta ideale per i city break».

 

Tour consigliati tra siti archeologi e monumenti
Tra gli itinerari da non perdere legati al patrimonio Unesco, il manager ne consiglia due. Il primo, più di carattere archeologico, che va alla scoperta dei templi di Ggantija-Gozo, Mgarr, Tarxien, Hagar Qim, Mnajdra per concludersi nel celebre Hypogeum di Paola.

 

Il secondo riguarda invece la capitale dell’arcipelago, con i suoi più di 300 monumenti, tutti compresi all’interno di un’area di 55 ettari. «Si tratta di una delle aree storiche più ricche al mondo – spiega Micallef – con la Fortezza, la Cattedrale di San Giovanni dove sono custoditi due dipinti di Caravaggio, il Teatro Manoel, la Sacra Infermeria, ovvero l’ospedale dei Cavalieri, la Casa Rocca Piccola e la Biblioteca Nazionale».

Giorgio Maggi

Ultimi articoli in UNESCO