Giornale del 08 Settembre 2015

Premio TRI 2015: in bicicletta sui monti del Carso

TURISMO RESPONSABILE

08-09-2015 NUMERO: Giornale Online

Invia
Parenzana - Tramway TourCategoria Agenzia di viaggi

 

Itinerario cicloturistico del Carso italo-sloveno e croato
Tramway Tour

 

Un viaggio di cinque giorni che si sviluppa attraverso 259 chilometri da percorrere in sella alla bicicletta. Gli appassionati delle due ruote conosceranno meglio il Carso, non solo quello italiano, ma anche la parte slovena e quella croata, pedalando tra gole e valichi, facendo soste in vecchie stazioni e in moderni agriturismi, ammirando monumenti e natura incontaminata.

 

Programma: primo giorno (51 km, altezza massima 271 metri). La partenza è prevista da Gorizia alle ore 9.30, a ridosso del confine italo-sloveno, presso la stazione dell’antica ferrovia Transalpina, che collegava Trieste a Vienna, la Parenzana. Lungo il primo tratto si pedala in territorio sloveno per poi attraversare l’ex confine di Stato italo-sloveno presso il paesino di Ceroglie che si trova già in Italia. Da qui si attraversa il Carso italiano che presenta panorami suggestivi sul golfo di Trieste, Slovenia e Croazia. Si raggiunge quindi Duino dove si pernotterà in un agriturismo. Secondo giorno (44 km, altezza massima 352 metri). Da Duino si parte alle ore 9.30 per varcare nuovamente il confine italo-sloveno presso il valico agricolo in prossimità del paese di Malchina per poi pedalare immersi totalmente nell’ambiente carsico sloveno fino a raggiungere il paese di Sepulje o Tomaj, regno del vino Terrano, dove si pernotterà presso un agriturismo. Terzo giorno (39 km, altezza massima 352 metri). Si lascia Tomaj alle ore 9.30 per pedalare ancora lungo i sentieri e le strade del Carso sloveno. Ci si dirige verso Lipizza, dove si farà una sosta per ammirare i cavalli lipizzani, conosciuti in tutto il mondo per la loro grazia ed eleganza. Si prosegue poi verso il confine per attraversarlo nei pressi del paese di Basovizza (dove c’è la possibilità di visitare il monumento delle foibe) e proseguire verso Draga da dove una volta presa la ciclabile si raggiunge Trieste o Muggia. Pernottamento in un albergo di Trieste o di Muggia.

Quarto giorno (56 km, altezza massima 130 metri). Partenza da Trieste alle 9.30 dall’albergo per raggiungere il valico di Rabuiese o Muggia. Dopo 12 km di ciclabile asfaltata, in territorio sloveno, si raggiunge Capodistria e si prosegue lungo la costa fino al confine con la Croazia nei pressi del valico di Sicciole, dove – dopo aver imboccato una strada sterrata – si pedala in Croazia, godendo del panorama delle vicine saline slovene. Poi si prosegue fino a raggiungere Buie dove è prevista la sosta notturna. Quinto giorno (69 km, altezza massima 308). Partenza dal paese di Buie alle 9.30. Lungo il tragitto si attraverseranno i paesini di Grisignana, Montona, Visinada. Si potrà godere delle bellezze dell’entroterra, dei panorami delle colline istriane e della valle del Quieto, giù fino al mare. Lungo la strada verranno attraversate diverse gallerie, viadotti e stazioni dismesse che caratterizzavano l’antica ferrovia Parenzana. Da Visinada una lunga discesa condurrà alla meta: Parenzo.

 

Quota: l’itinerario è vendibile integralmente o a giornate singole o a fine settimana (due giornate) o a fine settimana lungo (tre giornate). Costo Guida (diplomata alla Scuola italiana maestri mountain bike) 150 euro + Iva al giorno. Costo bici a noleggio (mountain-bike adatta al percorso con portapacchi, porta borraccia, campanello e luci: 1 giornata 15 euro, 2 giornate 25 euro, 3 giornate 32 euro. Costo caschi 2 euro al giorno.

www.tramwaytour.it

 

Premio TRI - logoTramway Tour è candidato al Premio Turismo Responsabile Italiano 2015, per la categoria Agenzia di Viaggi.

 

L’edizione 2015 del premio TRI - Turismo Responsabile Italiano premia tour operator, agenzie di viaggi, strutture ricettive, enti turistici e organizzatori di eventi. I riconoscimenti saranno assegnati da L’Agenzia di Viaggi il prossimo 19 settembre al Palazzo della Ragione di Padova, nel corso del WTE-World Tourism Expo.
www.worldheritagetourismexpo.com


Ultimi articoli in TURISMO RESPONSABILE