Giornale del 11 Settembre 2015

La Roma-Milano perde le ali

LINEE AEREE

11-09-2015 NUMERO: Giornale Online

Invia
Alitalia - Airbus A330 - livrea 2015Prima il successo dei treni ad Alta Velocità sulla Roma-Milano. Adesso una notizia attesa da tempo: il Tar del Lazio ha deciso che Alitalia dovrà abbandonare quattro coppie di slot sullo scalo di Linate, equamente suddivise tra la fascia del mattino e quella della sera. I giudici, secondo quanto riferisce l’edizione romana del Corriere della Sera, hanno respinto un ricorso presentato dall’ex-vettore di bandiera dopo la decisione dell’Antitrust che, nel 2012, aveva imposto di liberare degli spazi sulla direttrice, allo scopo di abbattere la posizione di monopolio allora esistente. Slot che, stando a quanto ha dichiarato a Roma Michael O'Leary, non interessano a Ryanair. Per dirne una.

 

In questo modo, arriva dunque a una conclusione la battaglia che per anni hanno combattutto le compagnie aeree italiane e straniere per avere la meglio su una rotta tra le più redditizie a livello europeo.

 

Per restare agli ultimi capitoli della contesa, infatti, easyJet aveva annunciato solo tre anni fa l’intenzione di crescere sul mercato italiano, puntando in particolare sulla Linate-Fiumicino, come suo cavallo di battaglia. Adesso, la retromarcia: dal prossimo ottobre verrà a mancare propria la rotta Milano-Roma, i cui slot erano stati ottenuti dopo un durissimo scontro legale per far saltare il monopolio di Alitalia.

 

«Avevamo chiesto otto slot per poter competere ad armi pari, ma ce ne hanno dati solo tre», ha spiegato recentemente Frances Ouseley, amministratore delegato della compagnia londinese in Italia. «Troppo pochi per costruire un’offerta adeguata su una tratta dove c’è tanta concorrenza».

 

Ma ad affossare definitivamente le ambizioni di Alitalia ed easyJet sulla rotta – entrambe hanno deciso di utilizzare gli slot su Linate per sviluppare altre tratte – è stata l’ascesa rapidissima dell’Alta Velocità. Basti pensare che dallo scorso anno il treno ha battuto l'aereo anche per i viaggi d'affari. A dirlo l’ultima edizione della Business Travel Survey di Uvet Amex, secondo cui già a fine 2013 la quota di mercato del treno (Trenitalia e Ntv) era salita al 49%; un bel balzo in avanti rispetto al 35% del primo trimestre 2011.

Giorgio Maggi

Ultimi articoli in LINEE AEREE