Giornale del 21 Settembre 2015

Ezhaya, Alpitour: «In forte crescita tutti i nostri brand»

OPERATORI

21-09-2015 NUMERO: Giornale Online

Invia
Alpitour 2015Un direttore d’orchestra. Capace di far rendere al meglio gli altri strumentisti, ma senza alcuna ambizione da uomo solo al comando. Nell’incontrare la stampa trade per fare il punto della situazione del gruppo Alpitour dopo lo scossone ai vertici del management di metà agosto, Pier Ezhaya ci tiene subito a sgomberare il campo da inutili polemiche. «Il mio compito sarà quello di fare rendere al meglio la squadra di manager che ho al mio fianco. Tutti professionisti che per la maggior parte lavoravano già con me», ha detto il nuovo responsabile dell’area tour operating del gruppo.

 

Nessun commento, invece, per quanto riguarda le ragioni che hanno portato all’abbandono di Andrea Gilardi. «L’idea del nuovo assetto è di dare maggiore centralità alle decisione strategiche, privilegiando scelte che diano valore alla filiera verticale di cui disponiamo: tour operating, voli, network, incoming e settore alberghiero. Nell’area tour operating, poi, lavorerò a quattro mani con Carlo Stradiotti, a cui rimangono le competenze sulle aree strategiche del revenue management e di Neos».

 

Senza contare poi la partnership sempre più solida con il presidente Gabriele Burgio, «che oltre alla sue indiscusse capacità manageriali, riesce sempre a farsi portatore di intuizioni di business che spesso noi non riusciamo a vedere».

 

Incremento medio del 9%
Sul fronte ricavi, il gruppo chiuderà l’anno finanziario al 31 ottobre con un incremento medio del 9%. «Mi piace sottolineare che la crescita ha interessato tutti i brand, con un +7/8% sui brand Francorosso e Alpitour, ai quali si aggiunge il +11% di Villaggi Bravo, il +6% di Viaggidea e l’esplosione di Karambola, dovuta sia allo sviluppo del target di riferimento che all’introduzione del prezzo dinamico».

 

Parlando di destinazioni, caduta libera della Tunisia per ovvie ragioni, ma compensata dal +30% della Grecia, dal +32% delle Baleari e dal +15% delle Canarie. «Siamo molto soddisfatti anche della performance del mare Italia, in aumento del 18% con circa 78mila passeggeri».

 

Le novità invernali e della prossima estate
Novità del prossimo inverno saranno i Caraibi e l’Oriente, con il ritorno di Thailandia e Bali, una destinazione quest’ultima che secondo Andrea Moscardini, direttore commerciale di Francorosso, «deve diventare una delle mete privilegiate del turismo organizzato del nostro Paese».

 

Ancora novità all’orizzonte, invece, per Cuba dove Alpitour in collaborazione con il partner Press Tours ha già realizzato importanti risultati in estate cercando mete insolite – da un albergo a L’Avana alle città coloniali – al di là quelle leisure tradizionali. «Ma per i prossimi mesi puntiamo anche a Sri Lanka e Oman», ha aggiunto il direttore commerciale di Alpitour, Alessandro Seghi.

 

Per la prossima estate, invece, focus sui soliti noti del Mediterraneo, per arrivare a crescere nel 2016 di un ulteriore 10-12%». Parola di Ezhaya, che spera anche in un’azione congiunta del mercato italiano e del locale ente del turismo per recuperare un mercato come l’Egitto, «fondamentale per tutto il tour operating di casa nostra».

 

Nella foto: Alessandro Seghi, Pier Ezhaya e Andrea Moscardini.
www.alpitour.it

Giorgio Maggi

Ultimi articoli in OPERATORI