Giornale del 07 Gennaio 2016

Viaggiare a piedi: le proposte 2016 della Compagnia dei Cammini

TURISMO RESPONSABILE

07-01-2016 NUMERO: Giornale Online

Invia
Cresce con successo il turismo degli antichi cammini e delle vie spirituali in Europa. Percorrere le vie sacre che un tempo furono dei pellegrini, seguire le vie antiche dei briganti e dei viaggiatori dell’Ottocento è diventato un trend alla scoperta del territorio in un’ottica di lentezza e approccio slow alla cultura e alla storia dei luoghi attraversati.

 

Tra i percorsi più apprezzati a livello europeo, il Cammino di Santiago è particolarmente frequentato dagli italiani, i più assidui visitatori dopo gli spagnoli con un numero di presenze record. Dal 2013 al 2014, infatti, i nostri connazionali sono aumentati del 30% fino a superare le 20.000 presenze e ancora crescere di un altro 10% nel 2015.


A livello nazionale, invece, l’antica via più battuta è la Francigena, oltre 1.600 chilometri di strada che nel medioevo univano Canterbury a Roma. Il numero di pellegrini annui, in questo caso, oscilla dai 5000 ai 7000 visitatori.
 

Gli itinerari italiani

La Compagnia dei Cammini, associazione di turismo responsabile specializzata nei cammini italiani ed europei, rilancia le sue proposte per il 2016 attraverso sentieri spirituali, via dei briganti, dei contadini e dei pellegrini.


Dal 19 al 25 aprile, l’associazione propone la classica Via Francigena con un percorso tra Lucca e Siena. Tra S. Miniato, S. Gimignano e Monteriggioni si passa attraverso vie sterrate e facili sentieri sulle creste panoramiche delle colline o gli antichi selciati lungo un tratto della Francigena in cui sono particolarmente ricche le testimonianze del pellegrinaggio con ospitali ancora oggi attivi come quello di Altopascio.

 

Sempre lungo la Francigena la Compagnia propone il tratto da Siena a Viterbo (10/17 settembre) e un tratto più inedito dal 19 al 25 giugno attraverso l’antica via medievale che congiungeva la Germania a Roma. Il percorso tra Romagna e Toscana, chiamato la Via Romea di Alberto di Stade, ripercorre il sentiero del pellegrino medievale che ha lasciato una preziosa testimonianza di una via per Roma che scendeva dal Brennero.


Tra querceti mediterranei e vivaci faggete in Trentino, invece, c’è poi la possibilità di percorrere la Via di San Vili sulle orme del vescovo Vigilio da Trento a Madonna di Campiglio (12/18 giugno), seguendo una via calcata nei secoli da cacciatori e contadini, pellegrini e soldati, pittori e arrotini, tra le Dolomiti del Brenta.


Per seguire i pellegrini romei che percorrevano la Via di Stade in Trentino Alto Adige c’è un percorso in cui si risale la valle dell’Adige e dell’Isarco, porta di comunicazione tra mondo latino e mondo tedesco lungo abbazie, castelli, vigneti, laghi e boschi. L’associazione propone un tour lungo questo sentiero tra il 24 settembre e il 1 ottobre.

 

La proposta più originale della Compagnia è Il cammino dei Briganti, un sentiero di confine che attraversa, oggi, un territorio tra Abruzzo e Lazio, ieri tra Stato Pontificio e Regno Borbonico. L’itinerario, previsto dal 3 al 9 luglio tra Lazio e Abruzzo parte da Tagliacozzo.

 

I Cammini di San Benedetto e San Francesco
Il Cammino spirituale sulle orme di San Benedetto da Norcia, invece, è previsto dal 24 settembre al 1 ottobre lungo un sentiero che attraversa abbazie, monasteri, certose, ponti antichi e ricco di meraviglie naturali, storiche, artistiche. Partendo da Subiaco, a est di Roma, si attraversano i monti Simbruini ed Ernici fino ad arrivare a Cassino, ai piedi di uno dei più antichi monasteri d’occidente tra luoghi magici, dove regnano pace e serenità senza regola.
Nella prima settimana d’ottobre la proposta è dedicata all’itinerario di San Francesco (1-8 ottobre) per un viaggio dello spirito che si snoda nei luoghi significativi del patrono d’Italia.


Per seguire i pellegrini romei che percorrevano la Via di Stade in Trentino Alto Adige c’è un percorso in cui si risale la valle dell’Adige e dell’Isarco, porta di comunicazione tra mondo latino e mondo tedesco lungo abbazie, castelli, vigneti, laghi e boschi. L’associazione propone un tour lungo questo sentiero tra il 24 settembre e il 1 ottobre.

 

Nel resto del mondo
Fuori dall’Italia, invece, le proposte ricalcano alcuni dei Cammini d’Europa: dalla Via Cretese, un viaggio attraverso la cultura e la spiritualità dell’antica civiltà cretese, ai Percorsi sulle tracce di San Cirillo e Metodio nella Moravia orientale. E ancora il Cammino di Abramo e Sara in Palestina, un viaggio che nasce dalla combinazione di due splendidi cammini: il Jesus Trail che esplora i paesaggi più belli della Galilea e il tratto settentrionale del Cammino di Abramo, un percorso nato per promuovere la pacificazione e lo sviluppo delle comunità locali. Infine, lo storico e famoso Cammino di Santiago, da percorrere nella sua parte francese, viene proposto dalla Compagnia dal 29 dicembre 2016 al 6 gennaio 2017.  in uno dei periodi più intimi e meno affollati dell’anno.
www.cammini.eu
 


Ultimi articoli in TURISMO RESPONSABILE