Giornale del 24 Febbraio 2016 - Speciale USA&Canada - sfoglia il giornale

Lo slancio del Canada,

forte del business travel

Speciale Usa&Canada

24-02-2016 NUMERO: 4

Invia
Sebbene continui a soffrire la concorrenza degli States, il Canada negli ultimi anni ha registrato flussi in ascesa. Nel 2015 gli arrivi dall’Italia sono stati 107.934, in crescita del 2,5%. Paese più grande del mondo, dopo la Russia, con una densità abitativa bassa che raggiunge i 33 milioni di abitanti, il Canada coniuga le seduzioni di città cosmopolite come Toronto, Ottawa, Vancouver alla natura “indisturbata”. Le cascate del Niagara, forse l’attrazione più famosa del paese, sono solo un esempio di quello che la nazione può offrire: basti pensare al Banff Nation Park, oltre 6mila mq di vette, laghi e vallate nella regione delle montagne rocciose, alla baia di Fundy, sulla cosa atlantica della Nuova Scozia, famosa per i raduni delle balene e le imponenti maree visibili ogni 24 ore, e al villaggio Churchill, nella baia di Hudson, perfetto per ammirare l’aurora boreale e adorato dagli orsi polari, facilmente avvistabili quando le acque ghiacciano.

Tutto questo, e molto altro, è al centro delle campagne promozionali dell’ufficio del turismo che ha investito risorse in due segmenti:  business event e leisure. Secondo i dati 2014, i più aggiornati raccolti, gli eventi legati al turismo d’affari attirano ogni anno 2,5 milioni di visitatori internazionali, per un guadagno di 2,7 miliardi di dollari canadesi che rappresentano il 24% degli introiti del travel internazionale. Discorso diverso per il leisure con 2,94 milioni di viaggi con pernottamento per un guadagno di 4,74 miliardi di dollari canadesi (+13,7% in un anno). Ad amare di più il Canada sono: cinesi, britannici, francesi e tedeschi. Settimi gli stessi canadesi. Il totale dei viaggi con soggiorno è di 17,1 milioni (+3,2%) mentre quello degli introiti dai visitatori internazionali è di 17,3 miliardi (+4,9).


Montréal sottoterra

Seconda città più popolosa della nazione, Montréal è unica grazie ai 33 km di passaggi pedonali interrati che collegano negozi, uffici e villette a metro e autobus. Un sistema con cui i canadesi vivono senza restrizioni anche con temperature molto al di sotto dello zero.
 

Meta da Millennials
Ai viaggiatori canadesi tra i 18 e i 34 anni il loro paese piace, eccome. Secondo alcune ricerche, il 91% dei Millennials è interessato a esplorare la nazione a breve e il 67% già scambia online informazioni e foto sulle mete. Nonostante la giovane età, i Millennials spendono tanto quanto i target più maturi per muoversi: circa 1.500 dollari canadesi per ogni viaggio.

Valentina Neri

Ultimi articoli in Speciale Usa&Canada