Giornale del 30 Marzo 2016 - Speciale Business Travel - sfoglia il giornale

Hotel Price Radar: la città

più cara è New York

FOCUS BUSINESS TRAVEL

30-03-2016 NUMERO: 9

Invia
Da Shanghai (+28,6%) a New York (+28,2%), da Washington (+21,2%) a Seul (+11,5%), nel corso del 2015 i viaggiatori d’affari hanno dovuto fare fronte a un aumento generalizzato delle tariffe alberghiere, soprattutto in alcune aree geografiche come i principali Paesi asiatici e gli Stati Uniti. A dirlo è il tradizionale barometro di HRS, che nel suo Hotel Price Radar 2015 ha analizzato il prezzo medio delle camere in oltre 150 business destination.

Se i rincari più consistenti si sono registrati fuori dall’Europa – la città più cara è New York (264  euro a camera), seguita da Washington (206 ), Tokyo (171) San Francisco (217) e Chicago (200) – anche nel vecchio continente le tariffe sono cresciute.

In prima fila, quanto a incrementi dei prezzi, le mete che continuano ad essere quelle meno a buon mercato anche a livello assoluto: Londra (189 euro, +14,6%), Zurigo (170 euro, +18,1%) e Copenhagen (144 euro, +4,4%), ma gli aumenti sono stati più o meno generalizzati come a Budapest (78 euro, +8,3%), Amsterdam (134 euro, +6,4%), Berlino (91 euro, +5,8%), Varsavia (93 euro, +4,1%) e Stoccolma (134 euro, +3,1%). Unica eccezione al panorama del vecchio continente, Mosca che a causa della flessione del rublo ha visto una vera e propria caduta dei prezzi per una camera a Mosca (93 euro, -25,6%). Sul fronte italiano, in ottica business a far registrare gli aumenti più consistenti sono state Milano (129 euro, +16,22%), Torino (93 euro, +12,5%) e Napoli (86 euro, +11,96%), mentre altrove il trend appare chiaro: un po’ ovunque le tariffe medie appaiono in calo o stabili.

www.hrscorporate.com

G.M.

Ultimi articoli in FOCUS BUSINESS TRAVEL