Giornale del 03 Giugno 2016 - Speciale Viaggiare Giovani - sfoglia il giornale

#Sapevatelo, glossario per professionisti del turismo

Speciale Viaggiare Giovani

03-06-2016 NUMERO: 18

Invia
Allegati all'articolo:
Alzi la mano chi non ha mai sentito parlare di Millennials, bleisure o web reputation. Le cronache dell’industria turistica riportano ogni giorno parole e modi di dire – il più delle volte in inglese – spesso mutuati da marketing, economia e social media. Risultato: ci si trova a familiarizzare con termini e acronimi di dubbia (o nulla) comprensione. E se alcuni sono ormai entrati nell’uso comune, altri ancora no. Di qui l’idea di un glossario per i professionisti del turismo.

Amazonisation. A partire dalla capacità di Amazon di essere una delle società più customer-oriented del mondo, il termine comprende tutte le azioni messe in campo per mettersi al servizio del cliente nel modo più efficiente possibile. Ogni “caduta” rispetto allo standard raggiunto, infatti, aprirebbe la porta alla concorrenza o a nuove forme di business.

Backpacker.
Anche se non tutti viaggiano allo stesso modo (ad alcuni basta davvero uno zaino in spalla, ad altri no), questi moderni traveller sono accomunati dalla volontà di lasciare la propria casa per periodi medio-lunghi e trascorrere mesi o anni in giro per il globo. In giro, è d’obbligo adottare uno stile di vita low cost: soggiorni in ostelli, condivisione di spazi ed esperienze con altri viaggiatori, utilizzo dei trasporti pubblici e voli a basso costo.

Bleisure. Crasi tra business e leisure. Si intende la possibilità di integrare ambiti prima totalmente separati come il viaggio di lavoro e gli interessi personali, tipici di un viaggio di piacere. Anche dalla trasferta ci si aspettano esperienze gratificanti, si desidera visitare la destinazione, conoscere la cultura enogastronomica o praticare sport nel tempo libero. 

Blitzscaling. Nasce dal termine militare blitzkrieg (guerra lampo). È la capacità di gestire in tempo reale situazioni di cambiamento o crisi; tradotto, ciò che un’azienda fa quando deve agire velocemente. O di fronte a situazioni di crisi (come le stragi di Parigi e Bruxelles), o di fronte a opportunità come l’apertura di nuovi mercati. 

Brand reputation. È la reputazione che un’azienda, attraverso il suo brand, si è costruita. Su internet si tratta dell’immagine che deriva dal mix tra il sito web ufficiale e i commenti e le opinioni lasciati in giro dagli utenti su forum, blog e social network.


Founders. Definiti così dal presidente di MTV Sean Atkins, sono i nati dopo il 1995. Da soli hanno mosso nel 2015 circa 200 miliardi di dollari negli Stati Uniti, sostituendo i Millennials come generazione che detta i trend dell’economia mondiale. Secondo gli esperti di marketing, cultura e moda sono reattivi, pragmatici e sicuri di loro stessi.

Look-to-book ratio. Metrica usata nel settore del travel marketing per calcolare la percentuale di visitatori di un sito (lookers) in rapporto al numero di prenotazioni concluse nel sito stesso (bookers). Per migliorare le loro performance, portali come quelli delle Olta (Online Travel Agencies) ad esempio, pianificano iniziative ad hoc per gli agenti di viaggi.  

Metasearch. In italiano “metamotore”, sono il campo di battaglia tra le Olta e gli albergatori per conquistare i clienti. Capaci di aggregare e comparare informazioni, prezzi, offerte e recensioni di strutture ricettive, sono utilizzati soprattutto da target specifici come i Millennials, che in buona misura li usano per prenotare hotel, voli e altri servizi legati al viaggio.


Momentary marketing.  Si tratta delle azioni di marketing temporaneo e istantaneo, il cui obiettivo è colpire l’attenzione del consumatore nel momento dell’interazione. Qualche esempio? I banner su internet o il retargeting di un banner sulla base della lettura della navigazione del cliente.  

Native Advertising. Forma di pubblicità online dove i contenuti sponsorizzati assumono l’aspetto grafico ed editoriale del sito sul quale vengono ospitati, cercando di generare interesse negli utenti. L’obiettivo è quello di rendere l’annuncio pubblicitario meno intrusivo in modo da non interrompere la fruizione del contenuto che l’utente sta leggendo, così da aumentare la percentuale di click e interazioni sull’annuncio. 

Next is adulting. 
È la generazione di quelli che oggi hanno 18-19 anni e che nell’orizzonte di un quinquennio cominceranno a essere presenti in azienda. Il loro è un comportamento ancora più radicato nel mondo digitale, tanto che per le imprese sarà indispensabile adottare nuove politiche social 4.0.

Pay Per Click (PPC).
Modalità di acquisto e pagamento della pubblicità online; l’inserzionista paga una tariffa unitaria in proporzione ai click (click-through rate), ovvero solo quando un utente clicca effettivamente sull’annuncio pubblicitario. I vantaggi di questa forma di pubblicità sono numerosi e permettono di ottimizzare al massimo gli investimenti. Un esempio di pubblicità pay per click è rappresentato dal keyword advertising (ad esempio AdWords di Google). 

Remarketing e retargeting.  Strategia per ricontattare un potenziale cliente che in passato ha mostrato interesse verso l’hotel o la compagnia aerea, visitandone il sito web. È dimostrato infatti che, in media, solo il 2% del traffico web converte alla prima visita: il restante 98% completa la conversione in successive sessioni di navigazione, spesso dopo aver reperito ulteriori informazioni online. Anche le piccole e medie strutture possono lanciare autonomamente campagne di remarketing di successo: le piattaforme sono molto semplici ed usabili senza particolari conoscenze tecniche

Search Engine Optimization (SEO).  Con il termine ottimizzazione si intendono tutte quelle attività finalizzate ad aumentare il volume di traffico che un sito web riceve dai motori di ricerca. Tali attività comprendono l’ottimizzazione sia del codice sorgente della pagina, sia dei contenuti. 

Smart Data. Sempre di più, in futuro si parlerà di Smart Data e non di Big Data. Attraverso l’utilizzo solo della parte di dati davvero utili da analizzare, sarà così possibile personalizzare l’offerta di servizi in modo dinamico e proattivo in tutti i settore del travel.

Video of everything. Se nel 2019 l’80% del traffico internet sarà indirizzato verso i video, per tutti gli attori dell’industria del turismo si tratta di superare la staticità della riproduzione fotografica con nuovi contenuti esperienziali, capaci di immergere il cliente nell’esperienza prima che questa abbia in realtà inizio. Il motivo? Oggi la necessità è quella di ottenere più informazioni possibili il più rapidamente possibile e un video risponde perfettamente a questa richiesta.

Usabilità. Anche se spesso trascurati, gli aspetti legati all’usabilità, o user experience, di qualsiasi applicazione, sito e, in generale, sistema sono fondamentali per il suo successo. Nei prossimi anni si assisterà ad un radicale cambiamento dei siti web e dei relativi booking engine secondo la filosofia del ‘less is more’; ovvero è meglio togliere elementi dall’interfaccia piuttosto che aggiungerne, per evitare ogni possibile intoppo nel passaggio dalla semplice visita alla  conversione (acquisto/prenotazione).

 

Piccolo dizionario alberghiero

Best Available Rate. È la tariffa base. A partire da questa, il revenue manager costruisce la sua piramide di prezzi. La Best Available Rate serve anche per confrontare le proprie tariffe con quelle degli altri hotel.

Parity Rate. Impone agli alberghi di offrire le stesse condizioni per una camera tra tutti i canali di distribuzione.

Revenue Management. Punta a massimizzare l’occupazione, ottimizzare le tariffe per aumentare il fatturato soprattutto in bassa stagione.

RevPAR. Sono i ricavi per camera disponibile. È uno dei dati fondamentali per una corretta gestione alberghiera.

 

Le parole del trasporto aereo


Fully Flat Seats. Tutte le poltrone in grado di essere allungate, distese o trasformate in un letto perfettamente orizzontale.

Hub & Spoke. Nel centro di interconnessione (hub) si concentrano i voli dai punti periferici del network.

Interlinea.
I voli utilizzati per raggiungere l’hub della compagnia prima di effettuare il volo di lungo raggio.

Narrow-Body. Sono gli aeromobili a fusoliera stretta, contraddistinti da layout di cabina con un solo corridoio.

 

Seat Pitch. Distanza tra sedili, importante soprattutto in economy.


Economia e dintorni: Tra conti, bilanci e percentuali


Break Even. Calcola il punto di equilibrio: ovvero da quando un’azienda comincia a guadagnare, essendo i ricavi totali uguali ai costi totali.

Due diligence.
Attività di indagine finalizzata alla raccolta e alla verifica delle informazioni necessarie a valutare le attività di un’azienda. Viene svolta nei progetti di acquisizione di partecipazioni sociali, fusioni o scissioni, cessioni e affitti d’azienda.

Ebitda.
Sta per “Earnings Before Interest, Taxes, Depreciation and Amortization”. Equivalente dell’italiano MOL (margine operativo lordo), è un indicatore della redditività di un’azienda basato solo sulla sua gestione. L’Ebitda corrisponde alla produzione di guadagno che poi potrà essere destinato a tasse, ammortamenti, deprezzamenti.

G.M.

Ultimi articoli in Speciale Viaggiare Giovani