Giornale del 14 Ottobre 2016 - Speciale Ttg Incontri 2016 n°2 bis - sfoglia il giornale

Alla conquista degli italiani

Speciale TTG Incontri

14-10-2016 NUMERO: 29 bis

Invia
QATAR
Nel 2015 sono stati accolti più di 33mila visitatori dall’Italia e, nell’anno corrente, alla fine di agosto, le stime riportano già 22mila arrivi. Merito dell’organizzazione ricettiva (21.707 camere in totale) e di località come Doha, considerata città sicura e accogliente, ricca di attrazioni, che spaziano dallo sport allo shopping, dall’arte al benessere. E la storia, ripercorribile visitando il sito archeologico Patrimonio dell’Umanità Al Zubarah, località oggi disabitata.
«Il nostro messaggio al mercato italiano vuole trasmettere la giusta essenza di una destinazione che combina con qualità, servizi leisure e business e autentiche esperienze culturali. Sono molte le attività da offrire, come ad esempio le passeggiate lungo la Corniche o la visita alle corse di cammelli, che gli italiani non hanno l’opportunità di fare in patria. Il Qatar, nel 2022, si preparerà inoltre a ospitare la Fifa World Cup di calcio, tra gli appuntamenti sportivi più importanti che, inevitabilmente, contribuirà all’attrazione di visitatori», ha dichiarato Rashed AlQurese, chief marketing & promotion officer Qatar Tourism Authority.

THAILANDIA
L’ente nazionale per il Turismo thailandese torna a Ttg, affiancato ancora una volta dal progetto “Vita da Turista - Sognando la Thailandia”, che permetterà a consumer, blogger e agenti di viaggi di effettuare un tour on the road nella destinazione.
Tat avrà, inoltre, un suo speciale desk per la distribuzione di materiale dedicato al segmento Lgbt, tra le novità assolute, volte a contribuire al già confermato trend di crescita dei flussi turistici dall'Italia, destinato a crescere dell’8-9% al termine del 2016, quindi a quota 260mila turisti.
I progetti dell’ente per i prossimi mesi saranno dedicati, in primo luogo, alla promozione di Sukhothai, antica capitale del paese dal 1238 al 1438 e oggi nella World Heritage List. Previsto anche il lancio del nuovo prodotto Comunity Based Tourism, inerente ai villaggi rurali.

REPUBBLICA DOMINICANA
Un paese molto apprezzato anche per la diversità della sua offerta. I dati degli arrivi globali, da gennaio ad agosto, lo confermano, registrando 3.619.147 di visitatori.
Il focus della Repubblica Dominicana ritorna su Samaná, nella parte nord-est dell’isola, a seguito della conferma del volo diretto dall’Italia operato da Neos a cura di Francorosso-Alpitour. Tra i brand più “in”, resta forte il contributo del Viva Wyndham Resorts. Segmento di peso è il Mice, con la creazione di un sito in italiano interamente a supporto degli operatori professionali e degli event manager.


In più, il ministero del Turismo in collaborazione con la Travel Agent University, ha creato un corso di formazione online per il segmento in questione.

SLOVENIA
Un turismo sempre più sostenibile, con un’offerta che al centro vede le tipicità del Paese, e quindi storia, cultura, tradizioni, natura e gastronomia. Una tendenza, questa, che ha portato, nei primi sette mesi dell’anno corrente, un incremento del 7% negli arrivi rispetto allo stesso periodo del 2015. Italia al primo posto, sul podio con lei Austria e Germania. Quarta la Croazia. Aumenti, inoltre, da Gran Bretagna, Spagna e Turchia.
Il settore che genera più interesse da parte dei turisti, è quello termale, con 14 centri naturali sparsi su tutto il territorio. Tra questi il Rimske Toplice, tra le colline di Stražnik e Kopitnik, dove la vegetazione è ricca e si possono trovare anche i famosi alberi di sequoia gigante e le acque termali romane, con particolari caratteristiche terapeutiche, risalenti al 1486.

 

EGITTO
L’ente del Turismo egiziano ha come importante obiettivo il rilancio del Paese nel leisure. Centrale, nella programmazione e implementazione dei progetti, il tema della sicurezza, specialmente aeroportuale, per la quale il governo locale ha speso ingenti somme di denaro negli ultimi mesi. Su questo fronte, a Ttg, il ministro del Turismo egiziano, Mohamed Yehia Rashed, incontrerà, nel corso di meeting one to one, i media e i principali player del settore turistico.

«Abbiamo iniziato a vedere dei piccoli cenni di ripresa sui principali mercati internazionali. Un segnale molto positivo viene dalla Germania, infatti, a seguito delle recenti migliorie apportate agli aeroporti egiziani, in termini di sicurezza, i tour operator tedeschi hanno deciso di ritornare a Sharm El Sheikh a partire da questo autunno», commenta Emad Fathy Abdalla, direttore dell’ente egiziano del Turismo.

«Tutto questo è incoraggiante per quanto riguarda le mete classiche. Buone notizie arrivano da Cina, Giappone e Inghilterra, con un aumento del traffico aereo verso Luxor. La nostra speranza è che, sulla scia di quanto sta accadendo nello scenario internazionale, anche il mercato italiano possa presto guardare con rinnovata fiducia al turismo in Egitto», chiude Abdalla.


Ultimi articoli in Speciale TTG Incontri