Giornale del 28 Novembre 2016

Bto 2016 tra mobile e sentiment: il futuro del travel è adesso

FIERE

28-11-2016 NUMERO: Giornale Online

Invia
Appuntamento a Firenze, Fortezza da Basso, il 30 novembre e il 1° dicembre per Bto 2016, l’happening dedicato al rapporto tra travel e innovazione che eleggerà il mobile come re indiscusso delle prenotazioni di viaggi. 

 

Secondo il Criteo Travel Flash Report di ottobre 2016, infatti, a livello mondiale, nel secondo trimestre del 2016 le prenotazioni di viaggi e vacanze da mobile raggiungono, quota 19% con un + 33% rispetto allo stesso periodo del 2015. Un incremento che si registra anche in Italia dove il 16% delle prenotazioni online avviene attraverso uno smartphone, con una crescita del 46% rispetto al dato dello scorso anno. 

 

Il tema portante dell’edizione 2016, però, sarà “Why!”. Un concetto attorno a cui si muovono tutti i prodotti turistici, ovvero superare la logica del come cercando invece di esplorare motivazioni e ispirazioni del viaggiare. Bto 2016 sarà anche trasmesso in live streaming sul sito www.intoscana.it.

 

Il web al centro

La manifestazione fiorentina si prepara a ospitare 148 eventi e i grandi player del turismo: i colossi del web Airbnb, Homeaway, The Priceline Group, Booking.com, TripAdvisor, Expedia; le storiche catene alberghiere come Best Western, Accor, Una Hotels & Resort; le nuove realtà come The Student Hotel e Room Mate Hotels.

 

Nell’Oracle Main Hall i riflettori saranno puntati sugli ospiti internazionali e le aziende leader del settore, a partire da Mark Levy e Matteo Stifanelli di Airbnb, Adrian Hands di TripAdvisor, Walter Lo Faro di Expedia e Glenn Fogel di The Priceline Group intervistata da Philip Wolf, founder Phocuswright

 

Tra gli appuntamenti da non perder c’è il panel che metterà a confronto Peter Verhoven, direttore generale di Booking.com, e Helena Egan di TripAdvisor, moderati da Giancarlo Carniani, direttore scientifico Bto 2016.

 

Del futuro dell’hôtellerie in Italia, invece, discuteranno Giovanna Manzi di Best Western, Brian McCabe di JDB Hotels e Renzo Iorio di Accor. Fabio Lazzerini di Emirates Italia, John Alborante di Ryanair, Marco Savini di BigRock e Riccardo Staglianò si confronteranno, invece, su come Internet e la tecnologia hanno trasformato il mondo del lavoro e sulle conseguenze della rivoluzione industriale 4.0.


Italia vuol dire Enit

All’interno del palistento della UniCredit Main Hall, invece, spazio al futuro del turismo italiano con la la doppia intervista a Roberta Milano, direttore marketing digitale Enit, e a Gianni Bastianelli, direttore esecutivo dell’Ente.

 

Tanta Italia in vetrina, quindi, se i contano le regioni italiane presenti. Oltre la Toscana, ci saranno Basilicata, Liguria, Lombardia, Puglia, Abruzzo, Marche, Sicilia, Sardegna, Lazio, Umbria ed Emilia Romagna.

 

Formazione e startup, infine, saranno al centro di workshop e attività collaterali. Tra i temi chiave degli appuntamenti formativi di Bto spazio a sharing economy, strategie di web marketing personalizzate, prodotti digital detox, alle chat come nuovi canali di comunicazione tra brand e consumatori e agli strumenti di storytelling aziendale.

 

Il contest Startup Italian Open, invece, promosso e supportato da Fondazione Sistema Toscana e PromoFirenze in collaborazione con Phocuswright Europe e Travel Appeal, premierà la realtà più innovativa in ambito turistico tra quelle selezionate per la competizione, e che a maggio 2017 volerà ad Amsterdam per partecipare alla conferenza internazionale Phocuswright Europe.


Ultimi articoli in FIERE