Giornale del 02 Dicembre 2016

Aeroporti, battaglia di A4E

per la trasparenza dei costi

LINEE AEREE

02-12-2016 NUMERO: Giornale Online

Invia
Regole chiare e meno oneri: è stato il duplice obiettivo del briefing a Bruxelles promosso e coordinato dall’eurodeputato Wim van de Camp, al quale hanno partecipato i vertici di A4E - Airlines for Europe, alcuni gestori di scali europei e autorità aeroportuali, allo scopo di aumentare la competitività delle compagnie aeree del vecchio continente con tariffe più basse e una maggiore scelta per i passeggeri.

 

In particolare A4E ha evidenziato l’importanza di investimenti mirati in infrastrutture, perché parte di una visione strategica a lungo termine per il settore. Investimenti che peraltro richiedono la consultazione tra gli aeroporti e gli utenti stessi.

 

La direttiva Ue Aeroporti 2009-12 ha già fissato requisiti minimi in materia di consultazione e trasparenza. «Allo stato attuale, la direttiva è inadeguata e inefficace nel proteggere i consumatori dagli abusi legati al potere di mercato gli aeroporti», ha sottolineato Thomas Reynaert, direttore di A4E. «Basti pensare – ha aggiunto – che oggi i diritti aeroportuali rappresentano fino al 20% del costo totale nei bilanci delle compagnie aeree. Per tutelare gli interessi dei passeggeri e garantire ai consumatori un buon rapporto qualità-prezzo, è di vitale importanza che le tariffe siano calmierate».

 

Secondo l'associazione, negli anni ci sono stati spesso investimenti inutili, inefficienze operative che hanno determinato crescenti e ingiustificati diritti aeroportuali, seppur in presenza di un aumento dei volumi di traffico. Oggi la direttiva Ue non garantisce un'effettiva trasparenza su costi e ricavi a scapito del rapporto con gli stessi utenti aerei.

 

Al dibattito ha partecipato anche Giacomo Cattaneo, direttore commerciale Aviation Milano-Bergamo, che ha osservato come «la radicale trasformazione in atto nel sistema aeroportuale lombardo, con investimenti lungo l’asse Milano-Bergamo, ha già determinato un adeguato sviluppo di infrastrutture e un conseguente incremento di operatività, con aumento dell’offerta aerea per una vasta area di utenza del nord Italia».

 

A chiusura del briefing, l’eurodeputato van de Camp ha dichiarato: «Appoggio pienamente l'impegno costruttivo tra gli aeroporti e le compagnie aeree proposto da A4E e l'approccio equilibrato per creare una più efficace trasparenza su costi e ricavi degli scali. Ora bisognerà utilizzare al meglio la valutazione della Commissione per ottenere concreti miglioramenti nel funzionamento del mercato».

 

Tutti i partecipanti alla riunione, dunque, hanno convenuto che occorre lavorare in team per generare benefici ai passeggeri aerei. Lo stesso Reynaert ha ribadito che la recente evoluzione del mercato aereo europeo ha dimostrato che la riduzione del 20% delle tariffe aeree ha generato un incremento nel volume di traffico e quindi una positiva reazione della domanda aerea.

A.L.

Ultimi articoli in LINEE AEREE